Natale in Trentino Alto Adige
Europa,  Viaggi

Mercatini di Natale in Trentino Alto Adige

È tempo di festa: dopo Halloween e Tutti i Santi, Natale è dietro la porta e già si pensa a cosa fare nelle prossime feste invernali.

Abitando a Trento, vedo che la mia città si anima soprattutto tra novembre e dicembre dopo la quiete autunnale.

Come non pensare ad un itinerario che tocchi i principali (o più particolari) mercatini del Trentino Alto Adige?

Ce ne sono davvero tanti sparsi per la zona ed è impossibile raccontarveli tutti. Questa è la mia top five, in attesa di andare a visitare anche gli altri.

Ecco i 5 mercatini di Natale del Trentino Alto Adige dai quali iniziare!

Dopo aver letto il mio racconto, ditemi quali avete già visitato o saranno in programma prossimamente.

Buon divertimento!

I mercatini di Natale di Trento

I Mercatini di Natale di Trento animano la città da ben 30 anni: la prima edizione è datata 1993 e da allora sono sempre stati un punto fisso nell’inverno trentino.

Un modo per riscaldarsi dal freddo (talvolta accompagnato dalla neve) con vinbrulè, dolci e piatti locali.

Il cibo non è l’unico motivo per visitare i mercatini: l’aria frizzante che si respira, la musica di sottofondo che ci accompagna, gli stand sbriluccicosi. È l’atmosfera che rende tutto più bello.

Non so tu ma io ho un debole per le luminarie e attendo sempre l’apertura dei mercatini per vedere la novità dell’anno!

A Trento, gli stand dei mercatini di Natale sono distribuiti tra Piazza Fiera (la sede storica) e Piazza Cesare Battisti.

Passeggiando per la città, è possibile conoscere allestimenti e attività collaterali ai mercatini.

Piazza Duomo è deputata per il grande albero di Natale vestito a festa e la Cattedrale illuminata.
Piazza Santa Maria Maggiore è l’angolo per i bambini.
Il quartiere delle Albere e i giardini del Castello del Buonconsiglio sono i luoghi giusti per le luminarie a tema.

Natale nei Palazzi Barocchi di Ala

I Mercatini di Natale di Ala sono gli ultimi che ho conosciuto e mi sono piaciuti davvero tanto.

La loro particolarità? Sono allestiti all’interno dei palazzi barocchi del borgo

Ala è conosciuta come la “città di velluto” perché, tra il Sei e Settecento, è stato il centro nevralgico della Via della Seta tra l’Italia e i paesi tedeschi.

Partecipare al Natale in Trentino nei palazzi barocchi è un’esperienza da fare (meglio sotto la neve come è capitato a me).

Quindi, non aspettarti il classico mercatino natalizio!

Ala si trova alle porte di Rovereto, in provincia di Trento, e la puoi raggiungere comodamente sia in treno che in macchina: è una delle fermate obbligate del treno e c’è un’uscita dell’autostrada dedicata.

Mercatini di Natale a Rango e Canale di Tenno

Natale in Alto Adige

Questa è un’altra tappa che non devi farti scappare se sei alla ricerca di mercatini di Natale un po’ diversi rispetto a quelli classici.

Rango e Canale di Tenno sono due caratteristici borghi nelle valli Giudicarie e a due passi dal lago di Garda.

Entrambi inseriti nella lista dei Borghi più Belli d’Italia, i mercatini di Natale sono solo una scusa per andarci.

Gli stand sono allestiti all’interno dei caratteristici vòlti delle case antiche ed è un modo per sbirciare all’interno di case in pietra e cortili nascosti.

Gli stand si alternano tra cibo, artigianato locale e il racconto degli antichi mestieri.

Il momento più bello? Quando cala la sera e s’accendono le luci e tutto diventa più spettacolare.

  • I mercatini di Natale si svolgono nel fine settimana e te li racconto nel mio post dedicato.
  • Puoi raggiungere Rango e Canale di Tenno in auto, uscendo a Rovereto Sud dell’autostrada del Brennero e dirigersi verso Riva del Garda.

Mercatini di Natale di Bolzano

I mercatini di Natale di Bolzano iniziano sempre l’ultimo fine settimana e animano piazza Walther fino all’epifania.

Sicuramente sono i più conosciuti insieme a quelli di Trento e per quanto mi riguarda, mi piacciono molto di più rispetto al capoluogo trentino.

Perché? Sono quelli che più si avvicinano ai mercatini originali tedeschi: l’aria che si respira è la stessa che si respira in tutti i mercatini che ho visitato oltralpe. 

L’appuntamento principale è in piazza Walther dove si distribuiscono i diversi stand. Ogni anno vengono organizzati degli eventi collaterali che animano le vie della città.

Un esempio? La Corte delle stelle all’interno del cortile del Palazzo Mercantile e nella la Corte delle campane nel Cortile Capitol. Oppure un mercatino dedicato ai più piccoli con laboratori, teatrini e così via.

Mercatini di Natale di Chiusa e Bressanone

Mercatini di Bressanone

Chiusa e Bressanone sono due borghi alto atesini che consiglio di visitare e i mercatini di Natale non sono altro che l’occasione giusta per conoscerli.

Il mercatino di Chiusa è aperto solo nei fine settimana e il mio consiglio è quello di visitarlo al calar del giorno.

Le bancarelle e le vie sono illuminate con torce e candele; gli stand sono allestiti nella piazza, lungo le vie principali ma anche dentro ai cortili delle vecchie case.  L’effetto è quello di trovarsi catapultati nel Medioevo.

Bressanone è elegante, maestosa e sicuramente ben diversa da Chiusa.

I banchetti natalizi animano piazza Duomo e quello che più mi è piaciuto, sono state le luminarie e gli spettacoli di luci sugli edifici.

Se poi arriva la neve, tutto è ancora più bello.

Natale in Trentino Alto Adige: informazioni utili

I mercatini di Natale più grandi come Trento, Rovereto, Bolzano, Merano e Bressanone sono aperti tutti i giorni, mentre quelli dei borghi sono attivi solo nel fine settimana.

Per questo, ti consiglio di consultare i programmi di ogni singolo mercatino prima della tua partenza.

La maggior parte dei mercatini sono raggiungibili col treno (Ala, Rovereto, Trento, Levico Terme, Bolzano, Merano, Bressanone e Chiusa).

Per questo ti consiglio di muoverti con i mezzi pubblici: sarà molto più rilassante e non avrai il problema del traffico e dei parcheggi.

Ti ho raccontato i mercatini di Natale che ho visitato io: in tutto il Trentino Alto Adige ce ne sono tanti altri.

Katia, consulente personale di viaggio, web content per il turismo e l'arte e promotrice turistico-culturale. Viaggia nei medio-piccoli centri e itinerari fuori dal turismo di massa, raccontando di turismo culturale attraverso l'Italia, talvolta sconfinando in Germania.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.