Franco Battiato
Lifestyle

Franco Battiato: Vasco Rossi “Addio al Maestro”

Intro: Franco Battiato lascia un vuoto incolmabile nella musica italiana. Ecco come lo ricordano Vasco Rossi e altri artisti!

Franco Battiato è morto a 76 anni, lasciando un vuoto incolmabile nella musica italiana e nel cuore di tanti artisti, personaggi, amici e fan.

Ognuno di loro e di noi, avrà almeno un momento, un istante perfetto in cui la sua musica e le sue parole hanno cullato i nostri respiri.

I suoi capolavori musicali erano poesie senza tempo e questa scomparsa ci lascia in silenzio a ricordare il grande artista, ascoltando alcuni dei suoi testi.

Ecco come lo ricordano alcuni artisti.

Vasco Rossi

Vasco Rossi affida a Instagram il suo ricordo del grande cantautore, attraverso un estratto di “Le sinfonie del tempo”:

“Le sento più vicine le sacre sinfonie del tempo/Con una idea: che siamo esseri immortali/Caduti nelle tenebre, destinati a errare/Nei secoli dei secoli, fino a completa guarigione” .. Addio al Maestro Franco Battiato.. Wiva Franco Battiato”.

Gianni Morandi

Il dolore di Gianni Morandi viene racchiuso in queste parole di affetto, stima e gratitudine:

Lui non apparteneva alla nostra categoria, cantanti, cantautori, musicisti. Lui era un extra, fuori dal coro, straordinario, un genio assoluto, indefinibile…

“Che cosa resterà di noi, del transito terrestre…”

Resterai per sempre con noi.

Ciao Franco!

Samuele Bersani

Samuele Bersani definisce Franco Battiato un artista immortale e lo ricorda così:

Non porto orologi al polso ma la musicassetta di Patriots, comprata nel 1980 con i soldi di una paghetta, è sempre con me.

Ligabue

Nelle parole di Luciano Ligabue, c’è un vero e sincero ringraziamento per ciò che la musica di Franco Battiato era in grado di fare:

Ciao Franco.

Con “Patriots” mi hai salvato dalla depressione durante l’anno in Artiglieria.

Con “La voce del padrone” hai cambiato il mainstream in Italia.

Con tutto il resto ti sei dimostrato troppo grande e unico per essere accostato a qualcuno.

Ti dobbiamo tutti qualcosa.

Ti dobbiamo tutti tanto.

Stadio

Gli Stadio scelgono le parole di “La Cura” per salutare il maestro e aggiungono:

“Se ne va uno dei più grandi cantautori della musica italiana che ha regalato capolavori senza tempo, un patrimonio musicale che supererà le correnti gravitazionali”.

Morgan

Distrutto dal dolore, l’artista Morgan, che saluta così il grande cantautore:

“Santo cielo, non avrei mai voluto arrivasse questo momento. Mi fa tanto male pensare alla sua bontà alla sua ironia la sua intelligenza. Battiato era uno degli ultimi veri uomini di cultura in questa Italia mediocre e spenta. Finché è stato al mondo potevo dire che c’era qualcuno che mi capiva. Adesso sia io che la maggior parte del mondo che mi circonda siamo alla deriva”.

Franco Battiato: Altri saluti dal mondo della musica

Questi sono solo alcuni degli addii arrivati dal mondo della musica, tuttavia il fiume in piena d’affetto e gratitudine non si ferma: Tiziano Ferro, Eros Ramazzotti, Rita Pavone, Giorgia e Paola Turci, Luca Barbarossa, Piero Pelù, Laura Pausini, Emma Marrone, Marco Mengoni.

Non mancano artisti più giovani, come Annalisa, Levante, Diodato, Di Martino.

Senza dimenticare Giovanni Caccamo, scoperto proprio da Battiato e vincitore tra le Giovani Proposte di Sanremo nel 2015.

Franco Battiato: musica e libri

Non c’è bisogno di presentare la discografia di questo grande cantautore, che io stessa ascoltavo per ore quando viaggiavo in auto con i miei genitori, tuttavia voglio darvi qualche consiglio.

Non perdetevi l’ascolto di:

Se amate leggere, potete dedicarvi anima e cuore a:

Addio, Maestro! Ci mancherai!

Sara Daniele, copywriter, blogger, travel marketer. Laureata in Lingue e Letterature Straniere. Napoletana di origine e di indole, ho vissuto per due mesi a Londra e una parte del mio cuore è rimasta lì. Mi sento cittadina del mondo, ma l'odore del caffè mi riporta sempre a casa. Ho trovato la mia dimensione nel blogging e nei social media, perché uniscono le tre cose che più mi piacciono: le parole, le connessioni umane e la comunicazione.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.