Cosa vedere a Crema
Viaggi

Cosa vedere a Crema: itinerario a piedi

Intro: Cosa vedere a Crema, la città che incanta con fascino architettonico e atmosfera rilassante. Scopri il mio itinerario a piedi!

Durante il mio week-end lombardo, sono stata ospite da amici a Madignano, in provincia di Cremona, confinante in realtà con Crema.

Così ho avuto l’occasione di visitare questa cittadina deliziosa, che accoglie il turista con il suo fascino artistico e architettonico, ma soprattutto con la sua atmosfera rilassante.

Dove si trova Crema

Crema è inserita nel contesto del Parco Naturale del Serio ed è il centro principale della provincia, dopo il capoluogo Cremona.

Dona il proprio nome a tutta la parte settentrionale del territorio provinciale: il Cremasco.

Le origini di Crema sono legate all’invasione longobarda del VI secolo d.C. e il nome deriva probabilmente dal termine longobardo “Crem che significa altura

Secondo la tradizione, la fondazione della città risalirebbe al 15 agosto 570 quando, di fronte alla minaccia rappresentata dall’invasione longobarda, gli abitanti della zona trovarono rifugio nella parte più elevata dell’ “Isola della Mosa”.

Nel corso degli anni, Crema ha attraversato un bel po’ di situazioni storiche rocambolesche, tuttavia la svolta più importante è stata nel 1449.

Crema entra nell’orbita della Repubblica di Venezia, come fortezza di frontiera.

La dominazione veneta termina nel 1797, lasciando parecchi ricordi nella città, come i resti delle mura che delimitano il centro storico di Crema.

Come arrivare a Crema

Crema

Puoi raggiungere Crema da Milano con il treno, cambiando a Treviglio.

Il viaggio durerà circa un’ora e il prezzo del biglietto è di 5,50€ – solo andata.

Per fare una gita di un giorno a Crema, le altre località vicine per arrivare in treno sono Cremona, Pavia, Bergamo, Brescia, Lodi.

Il tragitto varia dai 40 minuti all’ora e mezza, dipende da dove parti.

Cosa vedere a Crema

Crema è una cittadina a misura d’uomo.

Per lo più, si gira in bicicletta, ci si incontra al mercato copertoil martedì, il giovedì e il sabato – oppure ci si ferma a chiacchierare in strada davanti ad un balcone fiorito o ad uno dei tanti palazzi storici.

La sua popolarità turistica è scoppiata con “Chiamami col tuo nome“, il film che il regista Luca Guadagnino ha girato nel 2018 proprio a Crema e dintorni.

Ora il boom turistico sembra essersi placato, ma la città merita di essere alla ribalta sempre, per le sue bellezze artistiche e architettoniche.

Tra i tanti luoghi di interesse di Crema, sicuramente sono da ammirare:

  • il Duomo;
  • il Palazzo Vescovile;
  • il Palazzo Pretorio recante il Leone di San Marco;
  • l’Arco del Torrazzo;
  • la Chiesa della Trinità;
  • la Basilica di Santa Maria della Croce;
  • il Palazzo Bondenti.

Tuttavia, passeggiando tra le stradine potrai imbatterti ad ogni angolo in qualche villa o edificio storico dal fascino architettonico incantevole.

Bene, ora bando alle ciance e iniziamo l’itinerario a piedi di Crema pensato per te!

Dove gustare un’ottima colazione

Cosa vedere a Crema

Di certo, non potrai iniziare questo giro del centro città senza prima fare un’ottima colazione.

Dirigiti al Caffè Vienna, dove la cura dei dettagli e la bontà dei prodotti ti colpirà positivamente.

Lo troverai a Via Mazzini, 90.

La colazione è un pochino costosa, tuttavia devi considerare che Crema non è una città economica, ma vale davvero la pena!

Adesso rimettiamoci in marcia!

Piazza Duomo e la Cattedrale di Santa Maria Assunta

Cosa vedere a Crema

Piazza Duomo è il cuore della città di Crema e la sua particolarità è la sua forma a U, che abbraccia la Cattedrale di Santa Maria Assunta.

Troverai, sotto i porticati del Comune, l’ufficio della Pro Loco, dove poter reperire la cartina della città e qualche volantino con le attività da fare nei giorni in cui sarai lì.

Adesso, fermati ad ammirare l’elegantissima Cattedrale.

La maestosità che hai davanti non è l’edificio romanico originario, che fu distrutto da Federico Barbarossa durante l’assedio di Crema.

Ti ritrovi a guardare una facciata dallo stile gotico lombardo, ricostruita tra il 1284 e il 1341.

L’interno è molto spazioso e diviso in 3 navate, restaurato tra il 1952 e il 1959.

Appena entri, noterai sulla sinistra, i resti del periodo Barocco, in netto contrasto con il resto della Chiesa.

Ti segnalo che nella Cattedrale di Santa Maria Assunta ci sono alcuni dipinti di alto pregio, come “Cristo appare a San Marco” di Guido Reni nella navata sinistra.

Il Palazzo Comunale

Cosa vedere a Crema

Il Palazzo Comunale di Crema è stato voluto dal Governo Veneziano nel 1525.

L’edificio combina elementi architettonici lombardi e veneziani, creando una struttura elegante e pulita.

Nel parametro murario, puoi notare alcuni stemmi di podestà veneti.

Il Torrazzo

Cosa vedere a Crema

Il Torrazzo segna il confine tra Piazza Duomo e via XX settembre e fa parte del complesso del Palazzo Comunale.

È una porta monumentale, con le due facciate diverse dal punto di vista decorativo.

La facciata su Piazza Duomo ha l’orologio con sotto lo stemma della città e due nicchie con all’interno le statue di San Pantaleone – patrono di Crema – e San Vittoriano.

La facciata su via XX settembre ha un bassorilievo con il Leone di San Marco.

Torre Guelfa, Palazzo Vescovile e Palazzo Pretorio

Cosa vedere a Crema

In Piazza Duomo, troverai anche un torrione medievale con un Leone di San Marco: è la Torre Guelfa.

Accanto, con il suo portone fastoso portone, ecco il Palazzo Pretorio, eretto nel 1548 per ospitare il podestà.

La piazza si conclude con l’edificio giallo, accanto alla Cattedrale: il Palazzo Vescovile, sede della Diocesi di Crema.

Biblioteca Civica: Palazzo Benzoni

Crema è la città nella quale ho visto i più bei palazzi nobiliari, purtroppo solo dall’esterno, perché molti sono abitati.

Un’eccezione è il Palazzo Benzoni, sede della Biblioteca Civica “Clara Gallini”.

All’interno, potrai ammirare sontuosi affreschi del Seicento e del Settecento.

Per visitarlo, dovrai accende negli orari della Biblioteca, che sono:

  • lunedì dalle 14:30 alle 18:30;
  • martedì-venerdì dalle 9:30 alle 18:30;
  • sabato dalle 9:30 alle 12:30;
  • domenica è chiusa.

Purtroppo, non sono riuscita a visitarla, perché era domenica. Quindi tornerò perché adesso so cosa vedere a Crema e anche in quale giorno.

Palazzo Bondenti Terni De Gregory

cosa vedere a Crema
Palazzo Bondenti Terni

In piazza Terni De Gregory, a 5 minuti dalla Biblioteca, troverai il Palazzo Bondenti Terni.

Noterai di certo la sua struttura sontuosa e raffinata, simbolo del barocchetto italiano.

Quando immagino cosa vedere a Crema, ripenso a questo palazzo e al suo cortile!

L’edificio è abbracciato da una cinta muraria, ha finestre ellittiche con lavorazioni in ferro battuto e un cortile elegante – ho sbirciato da fuori – da togliere il fiato.

Sulle mura noterai tre sculture di figure allegoriche:

  1. Generosità;
  2. Saggezza;
  3. Prosperità.

Una quarta statua, una donna con una pecora, è presente perché la famiglia Bondenti commerciava lana.

I lavori di costruzione del palazzo iniziarono nel 1698, per volontà del Conte Nicolò Maria Bondenti.

Nel 1737, lo stesso conte, ordinò di non continuare i lavori, a causa della morte del figlio avvenuta in cantiere: cadde dall’ala destra del palazzo, che era incompiuta, e così è rimasta in suo ricordo.

Il Palazzo è una dimora privata, quindi non visitabile all’interno, purtroppo.

Chiesa della Santissima Trinità

Cosa vedere a Crema

La Chiesa della Santissima Trinità si trova su via XX settembre e ha una particolarità: ha ben due facciate!

La facciata più lunga, termina con il campanile, dove in cima vedrai la statua in bronzo del Redentore.

La facciata più corta è quella dove si trova l’ingresso della chiesa, con un’interno piccolo e riccamente decorato.

Piazza Trento e Trieste

Cosa vedere a Crema

In piazza Trento e Trieste, troverai altri monumenti interessanti da vedere:

  • Monumento ai caduti cremaschi;
  • Mercato Austroungarico con il suo spettacolare loggiato costruito nel 1842;
  • Ex Chiesa di San Domenico, oggi sede del Teatro Cittadino e di una scuola musicale;
  • Palazzo Benzoni – Donati, dimora nobiliare del ‘500.

Quest’ultimo viene anche chiamato Palazzo dell’Innominato, perché la figura del personaggio manzoniano fu ispirato a Francesco Bernardino Visconti, bisnipote dei Benzoni, che alloggiò lì.

Museo Civico di Crema e del Cremasco

Cosa vedere a Crema

Il Museo Civico Cremasco è un museo misto, ospitato nell’ex Convento di Sant’Agostino e diviso in diverse sezioni:

  • Archeologica: reperti dalla preistoria all’epoca longobarda, rinvenuti in territorio cremasco;
  • Storica: raccoglie documenti, cimeli ed oggetti delle epoche a partire dalla fine del medioevo;
  • Artistica: prevalentemente pittorica, raccoglie opere d’arte dal XVI secolo ai giorni nostri;
  • Musicale: testimonia la tradizione musicale e scenografica di Crema.

Gli orari del museo sono:

  • martedì 14:30 – 17:30;
  • mercoledì a venerdì 10 – 12 e 14:30 – 17:30;
  • sabato, domenica e festivi 10 – 12 e 15:30 – 18:30.

L’ingresso è gratuito.

Santuario di Santa Maria della Croce

Santuario Santa Maria della Croce

Ad un chilometro dal centro storico di Crema, troverai il maestoso Santuario di Santa Maria della Croce.

Cosa vedere a Crema? Sicuramente questo!

È l’unico monumento che si trova fuori città, perché sorge nel luogo dove la Madonna apparve a Caterina degli Uberti.

Era stata data in sposa a Bartolomeo Pederbelli detto il Contaglio, un pregiudicato che allontanato da Bergamo e provincia, si era rifugiato a Crema, fingendosi un brav’uomo.

Aveva tentato di uccidere Caterina con una spada, poco fuori la città e quella spada è conservata all’interno del Santuario.

Nel luogo dove la Madonna apparve a Caterina fu posta una croce e, in seguito, ad altre apparizioni fu deciso di costruire il Santuario.

L’esterno della chiesa presenta un cotto a vista, mentre l’intero è riccamente decorato.

Cosa mangiare a Crema

Tortelli Cremaschi

Dopo aver analizzato cosa vedere a Crema, passiamo a cosa mangiare!

Le specialità cremasche sono tante, ma quella che più mi ha stupito sono i famosi tortelli cremaschi.

Sono ripieni di amaretti, uvetta, cedro candito, grana, marsala, burro, parmigiano, mostaccino, due mentine, limone, noce moscata e sale.

Hanno un sapore molto particolare, ma buonissimo. 

Dove dormire a Crema

Come ti dicevo, io ho alloggiato a casa di amici, ma se stai cercando dove dormire a Crema dai un’occhiata alla mappa:

Booking.com

Insomma, Crema è una città che ti resta nel cuore, perché si respira nell’aria un clima di serenità e tranquillità.

Ora che sai cosa vedere a Crema, aggiungila alla tua lista di viaggi!

Uno di quei luoghi dove andare o ritornare quando si ha bisogno di rallentare e ritrovarsi.

Sara Daniele, copywriter, blogger, travel marketer. Laureata in Lingue e Letterature Straniere. Napoletana di origine e di indole, ho vissuto per due mesi a Londra e una parte del mio cuore è rimasta lì. Mi sento cittadina del mondo, ma l'odore del caffè mi riporta sempre a casa. Ho trovato la mia dimensione nel blogging e nei social media, perché uniscono le tre cose che più mi piacciono: le parole, le connessioni umane e la comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.