Rose come coltivarle
Arredamento e Design

Il giardino perfetto: l’eleganza senza tempo delle rose

Un giardino perfetto, che possa dirsi ricco di eleganza non può fare a meno dei fiori, soprattutto se si parla delle rose, le regine indiscusse degli spazi esterni magnifici e curati.

Coloratissime, preziose e molto profumate, nel nostro Paese se ne possono far crescere di varietà differenti e per tutti i gusti.

Essendo però un fiore molto delicato, ogni rosa dev’essere piantata e curata con grande attenzione: ecco quindi perché oggi vedremo qualche consiglio utile per prendersi cura al meglio delle principesse del giardino.

Come preparare il giardino

Per prima cosa bisogna capire dove coltivare le rose, ma in questo caso in realtà esistono ben poche alternative possibili: vanno infatti sempre piantate in una zona del giardino che possa godere dei raggi solari, perché per crescere richiedono un’esposizione al sole giornaliera di almeno 5 ore.

Anche il trattamento del terreno deve essere fatto con estrema cura, in quanto sarebbe meglio sceglierne (o arricchirne) uno con reazione alcalina e un po’ acido, dal pH compreso tra 6 e 7,5.

Una volta quindi preparata a dovere questa sezione del giardino, si può pensare a piantare i nostri fiori.

Siccome tuttavia si tratta di una fase estremamente delicata, così come le precedenti, si può pensare di affidarle in toto a dei professionisti, che potete ricercare tramite i servizi Yougenio per la manutenzione del giardino, in modo da prepararlo al meglio.

E una volta che ci sarete riusciti, potrete finalmente proseguire con la vostra “rosea” missione.

Quando piantare le rose e come concimarle

Come spesso accade per piante così delicate, anche le rose andrebbero piantate quando il clima è più mite, dunque fra l’autunno e la primavera.

Naturalmente un ruolo molto importante lo gioca anche il concime, che andrà scelto di una tipologia adatta alla loro crescita: è importante infatti che questo prodotto includa nella sua formula alcune sostanze chiave, come l’azoto, il fosforo, il potassio, il ferro e la manganese.

Grazie ai fertilizzanti di questo tipo, il terreno sarà in grado di sostenere la fioritura e di evitare l’ingiallimento dei petali delle vostre rose.

Cura, fioritura e potatura

Dipendentemente dalla varietà di rosa piantata, la fioritura inizia da fine aprile per quelle precoci, si sviluppa intorno a maggio per alcune varietà, fino ad arrivare a fine giugno per tutte le altre.

La potatura dovrebbe quindi avvenire intorno alla metà di giugno per quanto riguarda i rosai non rifiorenti, mentre per quelli rifiorenti la potatura dovrebbe avere luogo durante i mesi invernali.

Per potare le rose si consiglia di asportare i rami più anziani alla base, e di accorciare di 2/3 quelli che avevano i fiori, togliendo anche i fiori appassiti.

Attenzione infine alle malattie delle rose, che possono essere trattate con dei prodotti appositi, a seconda della tipologia: la cura, difatti, dipende dalla natura del problema, dato che si trovano malattie portate da muffe o da altri microorganismi.

Un giardino perfetto richiede tante cure e tanto amore, specialmente in presenza delle rose.

Sara Daniele, copywriter, blogger, travel marketer. Laureata in Lingue e Letterature Straniere. Napoletana di origine e di indole, ho vissuto per due mesi a Londra e una parte del mio cuore è rimasta lì. Mi sento cittadina del mondo, ma l'odore del caffè mi riporta sempre a casa. Ho trovato la mia dimensione nel blogging e nei social media, perché uniscono le tre cose che più mi piacciono: le parole, le connessioni umane e la comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.