Dormire con il gatto
Lifestyle

Dormire con il gatto: pro e contro

Intro: È giusto dormire con il gatto nel tuo letto? Quali benefici e quali controindicazioni esistono per questa abitudine? Scopriamolo insieme.

Quando ho adottato i miei 2 gatti, Artemisia e Pepe, mi sono informata su tutto ciò che fosse più adatto per il loro benessere in casa, dal cibo agli spazi.

Vaccinarli da subito e sterilizzarli – una volta raggiunti i 6 mesi d’età – erano le prime due cose da fare.

Ma uno dei miei dubbi era se lasciarli dormire con me nel letto oppure abituarli ad una cuccia tutta per loro.

All’inizio che erano molto piccini, hanno dormito con me, poi crescendo ho dovuto capire da sola che la cuccia era la soluzione migliore per tutti.

Perché?

Ecco tutti i pro e i contro del dormire con il gatto con me che ho sperimentato!

Dormire con il gatto: vantaggi

Senza dubbio, dormire con il gatto nel letto porta enormi vantaggi, soprattutto all’umore.

Ma non solo:

  • Rafforza il legame con il tuo gatto;
  • Le fusa sono un ottimo anti stress;
  • In inverno, il gatto regala un piacevolissimo calore;
  • I gatti sono capaci di assorbire energia negativa – senza esserne influenzati – e infondere calma e serenità;
  • Quando il gatto è abituato a dormire molto la mattina, svegliarsi accarezzati dal suo musetto fa iniziare bene la giornata.

Ovviamente, come dicevo, esistono anche degli svantaggi dovuti a questo co-sleeping.

Dormire con il gatto: svantaggi

Dormire col proprio gatto può essere bello e coccoloso, tuttavia ci sono delle controindicazioni da tenere in considerazione:

  • Se il gatto non viene sverminato e vaccinato regolarmente potrebbe trasmettere parassiti;
  • Un gatto che vive anche all’esterno potrebbe trasportare batteri e microbi nel letto;
  • Il gatto è un animale tendenzialmente notturno, quindi potrebbe svegliarti molto presto la mattina – tipo alle 5;
  • Il gatto tende a rincorrere, afferrare e azzannare tutto ciò che si muove, quindi anche i tuoi piedi sotto la coperta;
  • I gatti perdono molti peli e, quindi, non è igienico;
  • Se si spaventa di qualche rumore può schizzare via saltando e colpirti, non volendo.

Ecco, diciamo che ci sarebbe da augurarsi che nessuna di queste situazioni si verifichi, ma il gatto è pur sempre un animale e reagisce ai suoi istinti.

Cucce per gatti: la soluzione migliore

Dormire con il gatto: pro e contro

La soluzione migliore per me è stata cercare una cuccia per gatti che potesse ospitarli comodamente entrambi, visto che sono molto legati.

Esistono davvero tante tipologie di cucce per gatti, in diversi materiali, colori e dimensioni.

Se fin da subito, abituerai il gatto a dormire nel suo lettino, vedrai che non avrà nessuna difficoltà a trascorrerci la notte e anche gran parte delle giornata: si sa, i gatti sono dormiglioni!

Io ho scelto per Artemisia e Pepe, un modello grande, morbido e colorato: la Cuccia per Gatti Pongo, nelle misure 70×60.

Sono così riuscita ad ottenere un ottimo compromesso: loro sono comodi e felici di avere un rifugio dove ripararsi, dormire o nascondersi e io mantengo la mia camera libera dai vari svantaggi elencati in precedenza.

E per i vantaggi?

Beh, di quelli approfitto durante il giorno, coccolandomeli appena posso!

Sara Daniele, copywriter, blogger, travel marketer. Laureata in Lingue e Letterature Straniere. Napoletana di origine e di indole, ho vissuto per due mesi a Londra e una parte del mio cuore è rimasta lì. Mi sento cittadina del mondo, ma l'odore del caffè mi riporta sempre a casa. Ho trovato la mia dimensione nel blogging e nei social media, perché uniscono le tre cose che più mi piacciono: le parole, le connessioni umane e la comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.