Pizza Fritta Napoletana Ricetta
Food,  Ricette

Pizza Fritta Napoletana: ricetta

Intro: La pizza fritta napoletana è una delle delizie per le quale vale la pena visitare Napoli. Scopri la ricetta e prova a riprodurla a casa tua!

Dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, a Napoli, come in molte altre città italiane mancava tutto.

Anche la semplice pizza al forno era diventata un lusso, poiché occorrevano il forno a legna, il pomodoro e la mozzarella. Tutte cose difficili da trovare!

A Napoli esiste un detto “O’ napulitan s’ fa sicc’, ma nun mor!”, cioè “Il napoletano dimagrisce ma non muore!”, che tradotto in italiano significa: il napoletano sa come venire fuori dalle crisi!

Così accadde anche in quel periodo, quando c’era bisogno di qualcosa di economico sia da vendere per i pizzaioli sia da acquistare per il popolo.

Grazie alla creatività napoletana, nacque la pizzella fritta, detta anche “sorella povera della pizza al forno” oppure “pizza del popolo”, venduta per strada dalle donne per aiutare l’economia familiare.

In quel periodo, la moglie del pizzaiolo preparava l’impasto la sera prima, per venderlo nei vicoli come la pizza fritta a ogge a otto, cioè da mangiare oggi e pagare tra 8 giorni.

In questo modo, la famiglia del pizzaiolo aveva degli introiti in più e il popolo napoletano poteva mangiare subito e preoccuparsi del conto dopo una settimana.

Oggi, la pizza fritta è una delle tante delizie culinarie napoletane per le quali vale la pena visitare Napoli e si trova in tutte le pizzerie, ma una testimonianza di come venisse venduta all’epoca è nel famoso film “L’oro di Napoli” di Vittorio De Sica.

Se sei curioso di rivivere la Napoli del dopoguerra, la troverai nell’episodio dove una giovanissima Sofia Loren, venditrice di pizze fritte, perde l’anello in un impasto.

pizza fritta napoletana ricetta

La vera ricetta della pizza fritta napoletana

Sono certa che dopo averti raccontato delle origini della pizza fritta napoletana, ti sarà venuta voglia di provarla.

Mangiarla nei vicoli di Napoli sarebbe perfetto, tuttavia se non hai in programma un viaggio nella mia città – e ti consiglio di farlo presto – condivido con te la mia ricetta.

Come per tutte le ricette, anche per la pizza fritta napoletana, ne esistono varie versioni e spesso cambiano da famiglia a famiglia.

Io uso la ricetta della pizza fritta napoletana, utilizzata da mia madre e replicata da anni sia da me che da mia sorella.

Gli ingredienti di questa ricetta sono per 6 pizzelle fritte di media grandezza oppure per 3 pizze fritte grandi.

Ingredienti per l’impasto

  • 500gr di farina;
  • 250ml di acqua;
  • un lievito di birra fresco;
  • 2 cucchiai di olio di oliva;
  • 60gr di sale.

Ingredienti per il ripieno

  • 250 gr di ricotta;
  • 150 gr di provola o fiordilatte a cubetti;
  • 100 gr di salame a cubetti;
  • pepe e sale.

Come fare la pizza fritta napoletana

pizza fritta napoletana ricetta

Impasta la farina con l’acqua, il lievito sciolto precedentemente in mezzo bicchiere di acqua tiepida, il sale e l’olio di oliva.

Dovrai ottenere un impasto morbido e omogeneo, che metterai a riposare per circa 2 ore in una ciotola, coperto da un canovaccio.

In casa mia – e in molte altre famiglie napoletane – si lascia riposare sotto le coperte nella stanza da letto. Pare lieviti meglio!

Nel frattempo, prepara il ripieno, tagliando a cubetti piccoli il salame e la provola (o il fiordilatte) e mischiando tutto in una ciotola con la ricotta e un pizzico di sale e di pepe.

Quando l’impasto sarà lievitato, dividilo in piccole palline, tante quante le pizze fritte che vorrai preparare.

Stendi ogni pallina con il mattarello e riempi la metà con il ripieno, per poi chiudere il tutto a mezzaluna.

Non dimenticare di sigillare bene i bordi per evitare che si aprano in fase di cottura.

Ora è arrivato il momento di mettere l’olio per friggere in una padella alta e quando sarà bollente, friggi le tue pizze fritte per circa 2 minuti per lato.

Quando le pizze fritte saranno belle dorate, prendile con una schiumarola in plastica (così che l’olio non perda temperatura) e asciugale con un po’ di carta assorbente.

Aggiungi sale in superficie e servile ben calde!

Sara Daniele, copywriter, blogger, travel marketer. Laureata in Lingue e Letterature Straniere. Napoletana di origine e di indole, ho vissuto per due mesi a Londra e una parte del mio cuore è rimasta lì. Mi sento cittadina del mondo, ma l'odore del caffè mi riporta sempre a casa. Ho trovato la mia dimensione nel blogging e nei social media, perché uniscono le tre cose che più mi piacciono: le parole, le connessioni umane e la comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.