piscine prefabbricate
Arredamento e Design

Piscine prefabbricate: cosa sono e come funzionano

Per la maggior parte delle persone avere una piscina è un sogno difficile da realizzare, soprattutto per una questione di spazio, di difficoltà di gestione e manutenzione, oltre che di budget.

Va però aggiunto che, al momento, esistono diverse soluzioni che possono ovviare a queste problematiche: opzioni innovative e funzionali rappresentate dai modelli prefabbricati, che permettono a chiunque abbia uno spazio esterno di poter realizzare il desiderio di avere una piscina.

Ora vi spiegherò tutto quello che c’è da sapere su questi modelli così, se vi verrà voglia, potrete farci un pensierino.

Le tipologie di piscine prefabbricate

Si comincia col dire che questi modelli hanno una caratteristica fondamentale, che consente loro di distinguersi dalle piscine comuni: al contrario di queste ultime, non vengono costruite in loco ma fornite in componenti già assemblate.

La struttura delle piscine prefabbricate è composta da una parte centrale (la vasca), a cui si aggiungono altri elementi accessori, come ad esempio il bordo piscina e le tradizionali scalette.

Sul mercato si possono trovare svariate tipologie di piscine prefabbricate: si parla dei modelli fuori terra, di quelli interrati e di quelli semi interrati.

I vari modelli di piscine fuori terra, esposti online sui siti dei maggiori rivenditori, sono i più pratici in assoluto perché basta posarli su una superficie, senza la necessità di scavare o di altri interventi costosi e impegnativi.

I modelli semi interrati e interrati, invece, sono più costosi e complessi, perché richiedono una predisposizione degli spazi anche se rimangono più pratici in confronto alle canoniche piscine.

Nel primo caso basta uno scavo parziale nel terreno, mentre nel caso dei modelli del tutto interrati è necessario uno scavo completo.

piscine prefabbricate

Il montaggio dei modelli prefabbricati

La posa della vasca è uno step che, per quanto semplice e agile, richiede pur sempre un minimo di studio e di informazione.

Intanto è possibile farlo su una struttura di contenimento in legno, se si parla delle vasche realizzate in fibra di vetro e dei modelli fuori terra.

Altre piscine di questo tipo non richiedono altro che la posa sul prato, perché sono già dotate di struttura portante: devono essere soltanto montate, un’azione che si fa in poco tempo.

Quelle in acciaio sono invece più complesse e pesanti e richiedono un intervento professionale.

Naturalmente, come già accennato, nel caso degli altri modelli bisogna provvedere agli scavi, che possono essere parziali o più profondi.

Le piscine prefabbricate e interrate solitamente sono più apprezzabili dal punto di vista estetico per via dell’acqua che arriva raso terra, ma al contempo sono anche più care e impegnative.

Una buona soluzione intermedia è rappresentata dalle piscine semi interrate: dato che lo è scavo meno profondo, la sezione a vista può essere
facilmente rivestita con aiuole e pietre.

La manutenzione delle piscine

Anche se semplici e veloci da montare, queste piscine richiedono comunque tanta cura e attenzione in fase di manutenzione.

In caso contrario dureranno poco (in special modo i modelli economici), o comunque non riusciranno a garantire da sole la pulizia della vasca.

Il primo consiglio è proprio quello di provvedere di frequente alla pulizia, dotandosi di retino con asta telescopica.

In secondo luogo, serve sempre l’utilizzo di un aspiratore per le impurità, necessario per la detersione dell’acqua.

Un altro suggerimento è il seguente: concentratevi molto sulla pulizia del filtro, per una questione igienica.

In tal senso dovreste provvedere spesso alla sostituzione delle cartucce del filtro e usare il cloro per riequilibrare gli elementi chimici presenti nell’acqua.

Le piscine prefabbricate rappresentano una soluzione comoda e intelligente alla portata di tutti grazie alla maggiore facilità di montaggio e ai costi ridotti che comportano.

Sara Daniele, copywriter, blogger, travel marketer. Laureata in Lingue e Letterature Straniere. Napoletana di origine e di indole, ho vissuto per due mesi a Londra e una parte del mio cuore è rimasta lì. Mi sento cittadina del mondo, ma l'odore del caffè mi riporta sempre a casa. Ho trovato la mia dimensione nel blogging e nei social media, perché uniscono le tre cose che più mi piacciono: le parole, le connessioni umane e la comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.