Visita alla Sagrada Familia
Viaggi

Visita alla Sagrada Familia: storia e consigli utili

Intro: La Sagrada Família è un capolavoro eccezionale, tanto per la sua origine quanto per la sua importanza turistica. Ben 5 generazioni hanno visto l’evoluzione del tempio a Barcellona. La costruzione potrebbe finire durante il primo terzo del 21° secolo.

Se sei a Barcellona di certo non puoi esimerti dal visitare la Sagrada Familia.

Le sue origini risalgono al 1866 , quando Josep Maria Bocabella i Verdaguer fonda l’Associazione Spirituale dei devoti di San Jose, che dal 1874 promuove la costruzione di una chiesa dedicata alla Sacra Famiglia.

Nel 1881, e grazie a diverse donazioni, l’Associazione acquistò un terreno di 12.800 m² per iniziare la costruzione.

La prima pietra fu posta il 19 marzo 1882, la festa di San José, in una cerimonia solenne presieduta dal vescovo della città, Josep Urquinaona.

Da quel momento iniziano i lavori, a partire dalla cripta posta sotto l’abside secondo un progetto neogotico dell’architetto Francisco de Paula del Villar y Lozano, il primo architetto del tempio.

Poco dopo, però, a causa delle discrepanze con i promotori, lascia la direzione del lavoro, e a lui subentra di Antoni Gaudí.

Sagrada Familia: la storia

Gaudí termina la cripta nel 1889 e inizia a lavorare su l’abside.

Quando riceve una significativa donazione anonima, Gaudí respinge il vecchio neo – progetto gotico e propone una costruzione  monumentale ed innovativa sia nelle forme che nell’edilizia.

Una grande chiesa con pianta a croce latina e alte torri: un’importante forma simbolica con l’obiettivo finale di essere una spiegazione degli insegnamenti dei Vangeli e della Chiesa .

Dal 1914, Gaudí si dedica esclusivamente alla costruzione della Sagrada Famiglia, il che spiega perché non ci siano altre opere importanti negli ultimi anni della sua vita.

È talmente coinvolto che negli ultimi mesi risiede vicino al suo laboratorio: uno spazio vicino all’abside nel quale realizza modelli, facendo disegni e disegni, studiando sculture e scatti fotografici.

Il 30 novembre 1925 fu completata la costruzione del primo campanile, dedicato a San Bernabé, alto cento metri.

L’unico che Gaudí vede finito, dal momento che il 10 giugno 1926 muore a causa di un tragico incidente.

Due giorni dopo viene sepolto nella cappella Carmen della cripta della Sagrada Familia, dove riposano ancora oggi i suoi resti.

Durante tutti questi anni, per realizzare il progetto, avevano collaborato con lui un grande gruppo di architetti, disegnatori, scultori e modellisti.

Alla morte di Gaudí, la direzione dei lavori fu assunta dal suo stretto collaboratore Domènec Sugrañes, fino al 1938.

Visita alla Sagrada Familia

Nel luglio del 1936 , a seguito della rivolta militare e della guerra civile spagnola, i rivoluzionari bruciarono la cripta e le scuole temporanee: i progetti, i disegni e le fotografie originali andarono persi e una parte dei modelli in scala ridotta furono frammentati.

Tuttavia, va sottolineato che, nonostante quei vandali, il tempio non si è fermato e ha sempre rispettato la volontà dell’idea originale dell’architetto.

Dopo la guerra civile spagnola, la costruzione della Sagrada Familia riprese e tra il 1939 e il 1940, l’architetto Francesc de Paula Quintana i Vidal, collaboratore di Gaudí dal 1919, restaura la cripta bruciata e ricostruisce molti dei modelli danneggiati.

Nel 1952 a Barcellona fu celebrato il XXXV Congresso Eucaristico Internazionale: fu costruita la scala della Natività e la facciata fu illuminata per la prima volta.

L’illuminazione sarà permanente dal 1964 per volontà del Comune di Barcellona.

Una data importante è il 1955 , quando avviene la prima “raccolta”, dedicata a raccogliere fondi per pagare le opere, un’iniziativa che verrà mantenuta negli anni successivi, fino ad oggi, come forma partecipativa della società nella costruzione del tempio .

Molti scultori hanno lasciato il segno sulla facciata della Natività.

Il 19 marzo 1958 fu collocato il gruppo scultoreo che rappresenta la Sagrada Familia, realizzato da Jaume Busquets.

Dal 1986 , lo scultore Josep Maria Subirachs è responsabile per la realizzazione della scultura sulla facciata della Passione.

Nel 2000 vengono costruite le volte della navata centrale e il transetto, e contemporaneamente cominciano le fondamenta della facciata della Gloria.

Nel 2001 viene completata la finestra centrale della facciata della Passione e viene collocata una vetrata dedicata alla resurrezione, opera di Joan Vila-Grau.

La figura e il lavoro di Gaudí sono ricordati soprattutto nel 2002, quando il Comune di Barcellona promuove l’ Anno internazionale di Gaudí in occasione del 150° anniversario della sua nascita.

Nel 2005 vengono poste nelle finestre della navata centrale i simboli eucaristici del pane e del vino, opera dello scultore giapponese Etsuro Sotoo.

Nel 2006, la cantoria della facciata del Gloria è costruita secondo i modelli di Gaudí e vengono terminate le volte dell’ambulatorio dell’abside.

Il 2010 è una tappa significativa della storia della Sacra Famiglia, con la benedizione del tempio da parte del Papa Benedetto XVI.

Sagrada Familia: ai giorni nostri

Visita alla Sagrada Familia

Il 19 marzo 2017, sono trascorsi 135 anni dalla posa della prima pietra e attualmente è stata effettuata il 70% della costruzione della Basilica: siamo immersi nella realizzazione delle sei torri centrali.

Nel 2018, il lavoro si concentra sulla continuità della costruzione delle torri degli Evangelisti, della Vergine Maria e all’inizio della torre di Gesù Cristo.

Torre della Vergine Maria

L‘interno della torre sarà uno spazio monumentale vuoto pieno di luce.

Dalla strada puoi vedere come questa torre di 138 metri prendere forma, poiché è costruita senza impalcature esterne.

Torri degli Evangelisti

Una volta completate raggiungeranno i 135 metri di altezza.

Due dei quattro ponti che collegheranno le torri degli evangelisti con quella di Gesù Cristo sono già stati collocati.

Torre di Gesù Cristo

Sarà la più alta, con i suoi 172,5 metri.

All’interno, il visitatore avrà accesso a un primo spazio a 60 metri di altezza, che avrà un nucleo in pietra con un ascensore con chiusura in vetro.

La torre inizierà a crescere quest’anno e avrà dodici livelli.

Attualmente stiamo anche lavorando al progetto finale dei terminali delle sei torri centrali.

Facciata e Torre della Passione

Durante il 2017, le sculture del Leone di Giuda e l’agnello di Abramo furono collocate nel cortile esterno del portico superiore.

Entrambi i pezzi sono opera dello scultore Lau Feliu e sono stati scolpiti in granito dalla regione francese del Tarn.

In questo 2018, gli elementi scultorei del portico superiore sono stati completati con la collocazione della scena del Sepolcro Vuoto dietro le colonne centrali e la Croce Gloriosa.

EVITA LA FILA!

Acquista il tuo biglietto rapido per l’ingresso rapido alla Sagrada Familia e alla Torre della Passione!

Facciata e Torre della Natività

La differenza tra la Torre della Passione e la Torre della Natività è nell’altezza.

La prima è alta 75 metri, mentre la seconda 55 metri.

In entrambe le torri si sale con l’ascensore e si scende a piedi per le scale.

Acquista il tuo biglietto rapido per l’ingresso rapido alla Sagrada Familia e alla Torre della Natività!

Sagrada Familia: Patrimonio Mondiale dell’Umanità

La facciata della Natività e la cripta della Sacra Famiglia furono iscritte nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 2005.

Il Palau Güell, Casa Mila (La Pedrera) e il Parco Guell erano stati aggiunti nel 1984.

Nel 2005 la selezione con la Casa Vicens e Casa Batllo viene ampliata con la cripta della Colonia Guell, Santa Coloma de Cervello, e la facciata della Natività e la cripta della Sagrada Família.

Tutti questi elementi costituiscono il patrimonio mondiale noto come Opere di Antoni Gaudí.

Come arrivare alla Sagrada Familia e l’accesso alle torri

La Sagrada Familia si trova in Carrera de la Marina e puoi raggiungerla con le linee della metro L2 e L5, scendendo alla fermata omonima, oppure con uno dei tantissimi bus (19, 33, 34, 43, 44, 50, 51, B20 e B24).

Delle 18 torri progettate da Gaudí per la basilica della Sagrada Familia, otto sono attualmente in costruzione, quattro sulla facciata della Natività e quattro sulla facciata della Passione.

I biglietti per visitare le torri non sono inclusi nel prezzo base del biglietto.

Le facciate non comunicano e hanno accesso indipendente. L’ascesa alle torri è fatta solo in un ascensore, uno in ogni facciata.

Puoi scegliere la torre della facciata della Natività, da cui potrai godere della vista verso est di Barcellona, ​​o quella della Passione, orientata verso il centro della città.

La discesa è fatta da scale.

Per motivi di sicurezza, i bambini sotto i 6 anni non possono salire sulle torri e fino a 16 anni devono essere accompagnati da un adulto.

Sagrada Familia: orari della visita

Gli orari di apertura cambiano in base alla stagione:

  • Da novembre a febbraio: dalle 09:00 alle 18:00;
  • A Marzo: dalle 09:00 alle 19:00;
  • Da aprile a settembre: dalle 09:00 alle 20:00;
  • A Ottobre: dalle 09:00 alle 19:00;
  • 25 e 26 dicembre e 1 e 6 gennaio: dalle 9:00 alle 14:00.

Trenta minuti prima dell’orario di chiusura, non viene venduto nessun biglietto.

Sagrada Familia: biglietti

La Sagrada Familia è uno degli edifici più visitati al mondo, con il suo imponente interno dove le volte raggiungono i settanta metri di altezza.

L’ingresso ai turisti è consentito con possibilità di avere degli sconti se si è in possesso della Barcelona Card o della Barcellona City Pass – delle quali ti ho parlato nel post “Cosa vedere a Barcellona“.

Ma non assicurano il SALTA LA FILA!

Ci sono anche altre tipologie di visite tra le quali puoi scegliere e acquistare i biglietti online:

  • Visita in italiano;
  • Salta la fila;
  • Con audioguida in italiano;
  • Con audioguida più visita alle torri.

Nei week-end e in alta stagione, ti consiglio di prenotare i biglietti almeno una settimana prima, mentre nei giorni infrasettimanali e in bassa stagione puoi tranquillamente considerare di farli anche 3 o 4 giorni prima.

Acquista il tuo ingresso prioritario alla Sagrada Familia!

Consigli utili per la visita

Visita alla Sagrada Familia

Se fosse la prima volta che vedi la Sagrada Familia, ci sono degli errori da evitare e dei consigli da seguire molto utili per pianificare tutto al meglio e non rovinarti la visita.

Acquista i biglietti online

Se come me odi le file, allora sappi che acquistare i biglietti online ti permetterà di saltare la coda.

Potrai entrare dall’ingresso della Facciata della Natività e, anche se ti toccherà aspettare chi come te ha comprato i biglietti in precedenza, la fila scorre molto veloce.

Ricordati di essere lì 20 minuti prima dell’orario segnato sul biglietto, poiché sono a scadenza e non sono rimborsabili.

Tour guidato di gruppo o privato?

Scegliere se visitare la Sagrada Familia con una guida in gruppo o indivisualmente è una bella gatta da pelare.

Diciamo che entrambe le soluzioni hanno dei pro e dei contro. Molto dipende da ciò che desideri!

  • Con il tour guidato in gruppo avrete la possibilità di ammirare la Basilica ascoltando le spiegazioni della guida, ma dovrai tenere in considerazione che essendo tanti, ognuno avrà delle domande e delle curiosità e ci saranno tempistiche da rispettare.
  • Con il tour guidato privato, avrai tutti vantaggi del precedente, ma potrai visitare tutto con più calma e avere la guida a disposizione solo per te.

In ogni caso cerca di essere lì almeno 15 minuti prima dell’orario previsto dal tour, perché essendoci molta folla avrai il tempo di trovare la guida e non stressarti.

Se il tuo budget non ti consente di prenotare un tour con guida, allora affidati all’audioguida, perché, credimi, vale davvero la pena visitare la Sagrada Familia scoprendone la storia e le curiosità.

Quanto tempo dedicare alla visita

Una volta lì, non sarebbe bello fare tutto di corsa senza goderti l’atmosfera suggestiva del luogo.

La Sagrada Familia va vissuta con calma e ammirazione quindi ti consiglio di considerare 2 ore per la visita della basilica, più un’altra oretta se decidessi di visitare le torri.

Se ne avessi la possibilità, effettua la visita al tramonto perché la luce che filtra dalle vetrate colorate è spettacolare e anche la salita sulle torri ti permetterà di godere di un istante magico sulla città, quando il giorno abbraccia la notte.

Indossare un abbigliamento consono

All’interno della Sagrada Familia andrebbe rispettato il codice di abbigliamento comune ad ogni chiesa cattolica:

  • Indossare capi che coprano spalle, schiena e ombelico;
  • Togliere il cappello;
  • Gonne e pantaloni devo essere lunghi fin sotto al ginocchio;
  • Non indossare abiti trasparenti o scollature;
  • Non essere scalzi.

Molti non si curano di queste regole, perché non sono fatte applicare rigorosamente.

Il mio consiglio è quello di utilizzare un abbigliamento decoroso nel rispetto del luogo visitato.

Portare la macchina fotografica

Sei appassionato di fotografia o semplicemente ami conservare le immagini dei tuoi viaggi?

Bene, all’interno della Sagrada Familia potrai fotografare e ne vale la pena!

Spero che questo articolo ti sia utile e tu possa pianificare la tua visita in modo semplice e organizzato.

Scopri dove alloggiare a Barcellona: le 7 zone migliori della città

Sara Daniele, copywriter, blogger, travel marketer. Laureata in Lingue e Letterature Straniere. Napoletana di origine e di indole, ho vissuto per due mesi a Londra e una parte del mio cuore è rimasta lì. Mi sento cittadina del mondo, ma l'odore del caffè mi riporta sempre a casa. Ho trovato la mia dimensione nel blogging e nei social media, perché uniscono le tre cose che più mi piacciono: le parole, le connessioni umane e la comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.