Parco Güell
Viaggi

Parc Güell a Barcellona: il mondo magico di Gaudì

Intro: Più che un parco, è un simbolo di Barcellona: il Parc Güell. Una delle opere più emblematiche di Antoni Gaudí. Scopriamolo insieme!

Il Parc Güell di Barcellona è unico al mondo!

Concepito dall’architetto Antoni Gaudí come un sito monumentale in cui l’ambiente naturale diventa inseparabile dagli elementi architettonici.

Tra le cose da vedere a Barcellona, questo è sicuramente un posto imperdibile!

La sua unicità è stata riconosciuta nel 1969, quando fu dichiarato monumento storico-artistico di interesse nazionale.

Ma ancor di più, nel 1984, quando fu dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

La sua considerazione come spazio monumentale di riconoscimento internazionale non diminuisce la sua importanza come parco pubblico dotato di tutte le strutture e servizi.

Adatto alla ricreazione degli abitanti del quartiere, ma anche di tutti i visitatori in generale.

Dalla riabilitazione completa, effettuata nel 2006, viene offerto anche un servizio di guida per facilitare la conoscenza del parco  alle persone con disabilità visive e uditive.

Parc Güell: come arrivare

Parc Güell

Il Park Güell si trova nella strada di Olot a Barcellona.

Per raggiungerlo ti consiglio 3 accessi:

  1. la strada di Larrard (ingresso principale);
  2. la strada del Carmelo, n. 23, dove c’è anche un parcheggio per gli autobus turistici;
  3. il passaggio di Sant Josep de la Muntanya, a cui si accede con le scale mobili.

Metro, linea verde (L3), fermata Lesseps o Vallcarca

Ti consiglio questi itinerari a piedi:

  • dalla fermata Lesseps sulla linea 3, ci vogliono 20 minuti a piedi fino al passaggio di Sant Josep de la Muntanya, dotato di scale mobili (consigliato).
  • dalla fermata di Vallcarca sulla linea 3, ci vogliono 20 minuti a piedi, prendendo le scale mobili della Baixada de la Glòria, e quindi accedendo al passaggio di Sant Josep de la Muntanya.

Autobus urbano, linee H6, D40, 24 e 92

Ti consiglio questi itinerari consigliati a piedi (linee H6 e D40):

  • Dalla fermata dell’autobus della Travessera de Dalt (linee H6 e D40), ci vogliono 10 minuti a piedi e consiglio l’accesso dal passo di Sant Josep de la Muntanya, che ha le scale mobili.

Itinerario a piedi consigliato (linea 24):

  • Dalla fermata dell’autobus da Plaça Catalunya, linea 24 (PARALLELO / El Carmel) corre lungo il Paseo de Gracia e si ferma a Carmel Strada-Parc Güell, di fronte ad uno degli ingressi principali del parco.

Percorsi a piedi consigliato (linea 92):

  • Dalla fermata del bus Trelawny-Passeig Maritim, linea 92 (Pg Marítim – Av Tibidabo) passa attraverso la Sagrada Familia e l’Hospital de Sant Pau e si ferma sulla strada Carmel-Parc Güell.

Parc Güell: la sua storia

Parc Güell

Fu inaugurato come parco pubblico nel 1922, ma fu concepito da Gaudí come una città giardino per ordine di Eusebi Güell.

L’aristocratico, nel 1895, acquistò una vasta tenuta rurale, situata nel Turó del Carmelo.

L’intenzione era di far costruire una città giardino come quelle che aveva visto in Inghilterra.

Il progetto di Gaudí consisteva fondamentalmente nella costruzione di case unifamiliari e doveva includere:

  •  spazi ad uso pubblico, come una grande piazza coperta –  il mercato;
  • una piazza del teatro all’aperto;
  •  una cappella;
  • un padiglione concierge;
  •  un padiglione di servizi, con reception e telefono pubblico;
  • altri spazi comuni.

L’ubicazione di fabbriche, cliniche, officine o industrie era stata espressamente eliminata perché invalidava i principi di ritorno alla natura del progetto.

Il progetto non ebbe successo e fu interrotto nel 1914, quando alcune delle dipendenze collettive erano già in costruzione.

Nel 1922, sei anni dopo la morte di Eusebi Güell, il Comune di Barcellona acquistò il terreno per trasformarla in un parco pubblico.

Parc Güell: la sua biodiversità

Quando entrerai nel parco, ti sembrerà che la natura faccia da sfondo, in verità l’architetto Gaudí prese in considerazione una perfetta simbiosi tra costruzioni e verde, per ottenere un equilibrio visivo indimenticabile.

Ci sono due zone distinte nel Parco Güell:

  1. la zona di Gaudí, in cui era conservata la vegetazione spontanea del luogo, che oggi costituisce un’estensione forestale in cui abbondano alberi di carrubo, querce e pini, circondati da un fitto sottobosco;
  2. l’area monumentale, la più famosa oggi.

Si può anche individuare una terza zona, il giardino Àustria, un vecchio giardino dove le specie che sarebbero state successivamente inserite nel parco dovevano essere coltivate.

Tuttavia, per molti anni sono state piantate specie straniere che ne hanno fatto un giardino non mediterraneo.

Negli ultimi anni sono state introdotte piante più adatte: ulivi, pini, querce, ginestre, magnolie e piante aromatiche.

Parc Güell: paesaggistica e design

Parc Güell

Il design del parco mostra chiaramente la mano dell’architetto e lo stile peculiare di Gaudí, evidente in ogni elemento, per quanto piccolo possa essere.

Gli angoli retti non appaiono da nessuna parte, le colonne sono inclinate come palme e hanno forme variabili, che suggeriscono tronchi di alberi, stalattiti, grotte naturali e forme ondulate, simili ai flussi di lava.

Molte delle superfici sono coperte con trencadís, pezzi di ceramica o vetro che formano mosaici di colori.

Il punto centrale del parco è costituito dalla Plaza de la Natura, parzialmente sostenuta dalla Sala de les Cent Columnes, composta da 86 colonne simili a gigantesche stalagmiti in una grotta.

Fino a questo luogo arriva la scala dell’ingresso principale del parco, con gradini disposti simmetricamente attorno alla scultura della salamandra alchimista, simbolo dell’elemento del fuoco e diventata l’emblema del giardino.

Al di fuori dell’area monumentale, in direzione dell’uscita sulla carretera del Carmel, incontriamo il primo dei tre viadotti progettati da Gaudí, rete di strade che collegano le diverse parti del parco.

Park Güell: arte e architettura

Parc Güell

Il Park Güell ha molti spazi emblematici dall’alto valore architettonico.

L’ingresso principale di calle de Olot è sorvegliato da due padiglioni costruiti nello stile di Gaudí, con forme arrotondate e un’esplosione di luci e colori.

Sulla destra si trova la casa del Guarda, progettata da Gaudí come casa per il portiere Park Güell, oggi fa parte del MUHBA (Museo Storia di Barcellona). 

Qui inizia la monumentale scala del Drac, presieduta dalla salamandra composta in trencadís, che evidenzia l’importanza dell’accesso per i pedoni alle strutture collettive della città giardino, del mercato e della piazza.

La grande scalinata conduce alla Sala Hipòstila, che doveva ospitare il mercato della città giardino, composta da 86 colonne in stile dorico.

Nel mezzo della zona monumentale, c’è la Plaza de la Natura, che sorge sulla montagna, su un terreno solido, e si estende sulle colonne della Sala Hipòstila.

La panchina in trencadís si distingue, delimitandone il perimetro, e il cui bordo ondeggia come un serpente lungo centocinquanta metri.

Questa panchina, ricoperta di piccoli pezzi di ceramica e vetro, è opera di Josep Maria Jujol, un collaboratore di Gaudí.

Sul lato est della piazza c’è un originale cancello di ferro che conduce ai giardini di Casa Larrard, l’antica casa padronale, adottata da Güell come propria casa e che dal 1931 è una scuola.

Park Güell: biglietto, orari e prezzi

Parc Güell

Cosa puoi visitare con il biglietto d’ingresso?

Il Parc Güell si compone di 2 aree differenziate:

  • la zona Monumentale, richiede l’acquisto di un ingresso;
  • la zona di accesso gratuito, aperta a tutti i visitatori gratuitamente.

Il parco è aperto tutti i giorni dell’anno con il seguente programma:

Bassa stagione (inverno-autunno)

Dal 1 gennaio al 24 marzo:
dalle 08:30 alle 18: 15 (ultima ora di accesso alle 17:30)

Dal 17 febbraio al 24 marzo inclusi, orario prolungato fino alle 19:00 (ultimo orario di accesso alle 18:00)

Dal 28 ottobre al 31 dicembre:
dalle 08:30 alle 18:15 (ultimo accesso alle 17:30)

Media stagione (primavera)

Dal 25 marzo al 29 aprile:
dalle 8:00 alle 20:30 (ultima ora di accesso alle 19:30)

Alta stagione (primavera-estate)

Dal 30 aprile al 26 agosto:
dalle 08:00 alle 21:30 (ultima ora di accesso alle 20.30)

Media stagione (estate-autunno)

Dal 27 agosto al 27 ottobre:
dalle 08:00 alle 20:30 (ultima ora di accesso alle 19:30)

Il costo del biglietto varia da € 7,50 a € 8,50 in base all’acquisto online o sul posto.

Io ti consiglio comunque di prenotare una visita guidata che ti permetterà di goderti il parco al meglio.

Ricorda che una volta uscito dal parco potrai vivere la Gaudì Experience, della quale ti ho raccontato nelle 5 cose inusuali da fare a Barcellona!

Allora sei pronto per la tua visita a questo mondo magico?

Scopri dove alloggiare a Barcellona: le 7 zone migliori della città!

Sara Daniele, copywriter, blogger, travel marketer. Laureata in Lingue e Letterature Straniere. Napoletana di origine e di indole, ho vissuto per due mesi a Londra e una parte del mio cuore è rimasta lì. Mi sento cittadina del mondo, ma l'odore del caffè mi riporta sempre a casa. Ho trovato la mia dimensione nel blogging e nei social media, perché uniscono le tre cose che più mi piacciono: le parole, le connessioni umane e la comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.