Cosa vedere a Viareggio
Viaggi

Cosa vedere a Viareggio

Intro: Da piccolo villaggio di pescatori a una delle destinazioni balneari più famose della Toscana. Scopriamo insieme cosa vedere a Viareggio, città del Carnevale!

Il mare da un lato, le bianche vette delle Alpi Apuane dall’altro, questo è l’affascinante cornice di Viareggio, la città più importante della Versilia.

Oltre al turismo balneare, Viareggio è sempre stata apprezzata dagli appassionati di belle arti , essendo sede del Museo Civico di Villa Paolina e delle raffinate decorazioni art déco, caratterizzanti diverse ville in tutta la città.

Naturalmente, Viareggio significa Carnevale: è qui che si svolge uno degli eventi più amati e veramente spettacolari del mondo.

Ho pensato che per raccontarti cosa vedere a Viareggio fosse meglio ospitare Giulia Magagnini, blogger toscana.

L’estate travolgente di Viareggio

Ho preso il treno direzione Viareggio, ogni città che scorre io sento dentro
Quei brividi d’amore ad ogni momento,Viareggio son quasi da te

La mia Viareggio è mutevole: è stata una perla decenni or sono, si è opacizzata un po’ nel corso del tempo e pian piano ha ricominciato a brillare.

Oggi ha di nuovo tanto da dare non solo a chi come me la vive da abitante, ma a chiunque la scelga per rilassarsi un po’, vedere il mare e lasciarsi alle spalle per qualche tempo la vita di tutti i giorni.

Come tutti c’è un momento, un contesto in cui comunque riesce a dare davvero il meglio di sé, e diciamocelo: per Viareggio quel momento è senza dubbio l’estate.

In questo periodo infatti si hanno a disposizione una quantità di stabilimenti balneari (che qui, te lo dico così ci togliamo il dente, si chiamano semplicemente bagni – niente battutine!) e la Passeggiata (ne parliamo tra un minuto), sul lungomare e aperta fino a tardi.

L’estate è da sempre la mia stagione preferita, e penso che in parte vivere ed essere di Viareggio abbia contribuito: nei periodi di vacanza ti alzi, vai sul mare, mangi qualcosa e poi al (tardo) imbrunire puoi incontrare gli amici sul lungomare, strafogarti di gelato dove preferisci, passeggiare o regredire ai nove anni come faccio a volte insieme a loro e lanciarti in gare di hula-hop, salto della corda o corse in skate e monopattino nel primo spiazzo libero.

Se sei meno indecente di noi e hai dei figli, possono essere loro a fare queste cose mentre tu divori gioiosamente il tuo dessert chiacchierando con amici e fidanzati.

Il Carnevale di Viareggio

Cosa vedere a Viareggio

C’è un posto dove il canto impazza tutto il dì
Che inneggia al carnevale e ti dice vieni qui

D’inverno le cose si acquietano come nella maggior parte delle cittadine di mare, ma c’è un evento che per molti viareggini è quasi sacro: il Carnevale.

A Viareggio dura un mese e comprende quattro/cinque corsi, più vari rioni – feste serali e notturne in punti strategici della città, di solito i quartieri Marco Polo e Darsena.

Sarò sincera: io non sono la fan numero uno del Carnevale, pur non dispiacendomi (altrimenti non avrei iniziato l’articolo con una canzone carnevalara).

Più che altro ne sento molto la lunghezza, i disagi quotidiani (strade bloccate in primis) e considerate che la mia resistenza a feste, baldorie e confusione è breve (ma intensa).

Almeno a un corso comunque partecipo sempre, anche solo per vedere i carri.

Le attrazioni più grandiose del Carnevale viareggino infatti sono proprio loro!

I giganti buoni di cartapesta, come dice una canzone, sono a volte monumentali e la loro qualità ogni anno è fonte di grandi discussioni tra i viareggini.

Siamo abbastanza puntigliosi, lo ammetto, ma probabilmente dipende anche dal fatto di vederne di nuovi tutti gli anni, volenti o nolenti.

La premiazione del carro più bello avviene durante l’ultimo corso, prima dei fuochi d’artificio che chiudono puntualmente la manifestazione proprio come l’hanno aperta, e può essere divertente parteciparvi anche solo per vedere quanto si scaldano gli animi.

Io, che come vi dicevo nemmeno sono la più grande appassionata (ho amiche per cui invece è un appunto immancabile e vi partecipano pure con la febbre alta!), mi sono ritrovata a esultare per la vittoria del mio preferito e unirmi ai cori di buuuh davanti ad altre vittorie che trovavo del tutto immeritate (molto maturo, lo so, ma del resto è Carnevale!).

Viareggio: la Passeggiata e il Porto

C’è un locale tra il chiuso e l’aperto
tra il ballo e il concerto
e un po’ liberty

Ma insomma, qual è la zona, il punto più bello di Viareggio?

Per me la risposta è una sola: Viale Margherita, ma per… be’, per tutti è chiamato la Passeggiata.

Si tratta di circa 2 chilometri di lungomare (dove in realtà i vari segmenti hanno nomi diversi, ma per voi che li esplorerete sarà sempre un unico lungo viale che costeggia la spiaggia).

Qui si alternano negozi e istituti balneari, con una vista mare immensa a livello di Piazza Mazzini, che divide in due la zona.

Da ragazzine le mie amiche e io chiamavamo la nostra metà “la parte dei giovani”, e quella precedente “la parte dei vecchi” (le adolescenti, creature angeliche!).

In realtà la differenza tra queste due zone della Passeggiata sta semplicemente nel tipo di negozi: nella parte più vicina al porto oltre a bar e ristorantini ci sono negozi non troppo costosi (Tezenis, Alcott, Motivi, Benetton, ma da qualche anno da questo lato hanno aperto anche Guess e Trussardi), oltre a un negozio di DVD/BR, CD e videogiochi.

Ci troverete anche tre cinema, ma è probabile che questi ultimi nei prossimi anni diminuiranno – fortunatamente abbiamo un piccolo multisala e un cinema per i film un poco più di nicchia in altre zone.

Dall’altro lato della Passeggiata troverete negozi per budget decisamente più alti, oltre a diversi locali e ristoranti.

Questa zona di solito anche nei giorni festivi e in estate è un poco meno affollata, cosa che può essere d’aiuto se la folla della parte più portuale ti crea problemi.

E cosa dire del porto in sé?

È uno dei luoghi più rilassanti di Viareggio e nelle serie estive non mi stufo mai di percorrerlo.

Ci troverete viareggini, turisti e pescatori, in numero sempre minore man mano che cala la notte.

Se dovessi consigliarti un orario sarebbe il tramonto, che regala viste davvero mozzafiato, seguito a ruota dalle dieci e mezzo/undici di sera, quando la folla diminuisce sempre di più e lo avrete tutto per voi (e i pescatori, ovvio).

Cosa vedere a Viareggio

I migliori bar e ristoranti di Viareggio

Mi sbottono un po’ e per quest’occasione ti rivelo i ristoranti, bar e gelaterie che consiglierei a un amico se dovesse venire da queste parti e mi chiedesse dove mangiare a Viareggio!

Partiamo da quelli che richiedono un budget un po’ più alto fino alle gelaterie:

  • Ristorante La Pazza idea: ambiente molto carino, i ristoratori sono gentilissimi e il cibo davvero buono, con un menù di carne e pesce. L’arredamento è uno stile chabby chic che personalmente mi fa impazzire!
  • Ristorante La Casina, nella della Pineta di Ponente lungo via Marco Polo: è uno dei ristoranti che preferisco, sia per offerta culinaria classica ma discretamente varia (pasta, carne, pesce, insalate e ovviamente vari dessert) che per i prezzi accessibili. L’unico neo è che a volte a cena il servizio è decisamente lento, motivo per cui te lo consiglio per una serata in cui tu abbia tempo a disposizione e possa goderti la cena senza guardare tutto il tempo l’orologio (e per ogni pranzo);
  • Ristorante La Posteria: questa è una chicca. Ristorante e pizzeria con menù di carne e pesce. Oltretutto è accreditato come ristorante Gluten Free e prepara piatti vegetariani e vegan, perfetto sia per chi soffre di celiachia o intolleranza al glutine che per chi segue regimi alimentari particolari;
  • Caffè Vip: è uno dei miei locali preferiti per quanto riguarda gli aperitivi: presenta un buffet abbondante (amo la loro pasta al pesto!) con saletta interna ed esterna. Per me è il top è mangiare ai tavoli in giardino durante l’estate, se vieni al mare da queste parti ricordatevene!
  • Bar/Ristorante Margherita: siamo onesti, il punto qui non è il cibo ma l’atmosfera dettata dallo stile liberty di questo edificio storico (diviso in bar/ristorante e libreria). Io stessa pensate che ancora non ci ho mai cenato, mentre ho preso diversi aperitivi e apirena, oltre a quantità infinita di tè caldi, tè freddi, cioccolate nere e bianche… insomma, i classici. Il punto è che prendere queste cose in un locale così bello al centro del lungomare e senza nemmeno dover spendere cifre da impallidire è davvero rilassante, soprattutto se come me siete molto permeabili alle atmosfere;
  • Gelateria Il Pinguino: si trova in centro ed è la mia gelateria preferita. Sicuramente c’entrano anche i miei ricordi personali, siamo d’accordo, ma la verità è che il gelato che preparano qui è davvero buono! C’è poco da fare. In particolare ti raccomando il gusto omonimo, pinguino, se amate la Nutella è la fine del mondo!
  • Gelateria Nilos: la verità è che se tu chiedessi alla maggior parte dei viareggini dove prendere un gelato molto probabilmente ti risponderebbero Nilos. Si trova davanti alla Pineta di Levante e a pochi metri dall’ex ospedale Tabaracci (ora distretto sanitario) e fa un gelato squisito. Ti invito a provare sia Nilos che il Pinguino e farmi sapere quale preferisci!
  • Gelateria Anisare: ho fatto il terno di gelaterie, lo so, ma se meritano mi sembra giusto segnalartele! Anisare è di fianco allo chiccòso hotel Royal, davanti alla più bella fontana della Passeggiata e al mare: di conseguenza, oltre a mangiare un gelato buonissimo avrai anche il bonus di una vista splendida.

Dove dormire a Viareggio

Premesso che per ovvi motivi non ho mai soggiornato in questi alberghi, ho comunque un paio di consigli ad hoc per te!

In caso tu abbia voglia di spendere e spandere per le tue vacanze sappi che i siti del Grand Hotel Royal e del Principe di Piemonte ti aspettano a homepage aperte!

L’Hotel Vittoria ha albergatori gentili e questo piccolo albergo in centro (e comunque a pochissima distanza dal mare) mi è sempre stato dipinto benissimo dagli amici che vi hanno passato le proprie notti viareggine, motivo per cui giro il consiglio anche a te!

Oltre a questi, sono presenti molti B&B e campeggi: insomma, di scelte ne avete in abbondanza!

Bonus Lucca (e soprattutto Lucca Comics)

Un altro aspetto positivo di Viareggio è la vicinanza a Lucca: è vero che esiste una rivalità storica tra le due cittadine, e non fingerò di essere superiore e immune alla cosa… ma quel che è giusto è giusto.

Per quanto non scambierei mai il mio mare e i modi rilassati dei miei concittadini con la piana in cui si trova Lucca e lo stile più abbottonato di molti lucchesi, il centro storico all’interno delle famigerate Mura è meraviglioso.

E se ve lo dice una viareggina potete davvero crederci!

Ma qui stiamo parlando di Viareggio, quindi il vero bonus di cui voglio accennarti è che se se ti interessano il Lucca Film Festival e il Lucca Summer Festival la distanza tra Viareggio e Lucca per te si rivelerà molto comoda e ti permetterà di partecipare agli eventi senza impazzire per trovare una stanza in loco.

Ma soprattutto, è una manna se come me sei amante di fumetti, cartoni animati e impazzisci dalla voglia di partecipare al Lucca Comics!

La fiera si tiene ogni anno tra fine ottobre e inizio novembre, e non per niente è la terza manifestazione fumettistica più importante del mondo!

Prendere una stanza a Viareggio per Lucca Comics ti permetterà

a) di arrivare alla fiera in quindici minuti di treno;

b) non andare fuori di testa cercando un alloggio per la manifestazione a Lucca, cosa tutt’altro che facile, soprattutto dall’estate in poi.

Tra i fortunati che riescono ad alloggiare nel centro storico c’è chi che se ne va dicendo agli albergatori lucchesi di tenergli il posto per l’anno dopo, quindi capirete bene che la situazione è alquanto spinosa!

Io non perdo un Lucca Comics dal 2004 e ogni anno mi rendo conto di quanto sia stata fortunata da questo punto di vista.

Come arrivare a Viareggio

Dall’Autostrada Firenze Mare (A11) o Genova-Livorno (A12) uscite al casello Viareggio e ci siete!

Nota: tutte le citazioni in corsivo appartengono a canzoni tipicamente carnevalare, potete trovare i testi completi qui e qui.

Allora ti abbiamo convinto a prenotare la tua vacanza a Viareggio?

Sara Daniele, copywriter, blogger, travel marketer. Laureata in Lingue e Letterature Straniere. Napoletana di origine e di indole, ho vissuto per due mesi a Londra e una parte del mio cuore è rimasta lì. Mi sento cittadina del mondo, ma l'odore del caffè mi riporta sempre a casa. Ho trovato la mia dimensione nel blogging e nei social media, perché uniscono le tre cose che più mi piacciono: le parole, le connessioni umane e la comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.