Cucina

Il film più divertente dell’estate vi farà viaggiare fino a Miami Beach

Film Vanzina Miami Beach

Chi non ha mai sognato di andare a Miami almeno una volta nella vita? Qualcuno riuscirà a realizzare questo desiderio, mentre agli altri basterà un po’ di immaginazione e l’ultimo film dei fratelli Vanzina: Miami Beach, appunto!

Miami Beach: trama

Una commedia romantica che mostra la realtà degli italiani a Miami. Lì, infatti, vanno a studiare all’università Luca (Filippo Laganà), romano, figlio di Giovanni (Max Tortora) e Valentina (Camilla Tedeschi), milanese, figlia di Olivia (Paola Minaccioni).

Durante il viaggio in aereo da Roma a Miami, Olivia e Giovanni litigano furiosamente e i loro figli ancora non sanno che si ritroveranno insieme nella stessa università. Tra i due nascerà una buffa storia d’amore nel college, sì proprio quello che vediamo spesso nei film americani e che è il sogno di tutti i nostri ragazzi: feste, sport, scherzi.

A Miami arriva anche Giulia (Neva Leoni) insieme a delle sue amiche coetanee di 17 anni. Sono venute per assistere al famoso concerto dei deejay più importanti del mondo.

Ma c’è un problema: Giulia sarebbe dovuta andare in vacanza con suo padre Lorenzo (Ricky Memphis) ma è scappata lasciandolo all’ aeroporto di Roma, disperato.

Lorenzo decide di andare a cercarla a Miami ma non sa dove, non parla inglese e non conosce la città, quindi deciderà di farsi aiutare da un giovane perdigiorno italiano, Bobo (Emanuele Propizio), studente fuoricorso con il quale scoprirà la vita dei giovani in quella grande metropoli.

Giulia intanto s’invaghisce di Filippo (Giampaolo Morelli), un giovanotto più grande di lei, un italiano immobiliarista e sciupafemmine al quale farà credere di essere molto più grande di quello che è.

Miami Beach: recensione film

Insomma, Miami Beach promette di essere il ritratto leggero e scanzonato del mondo italiano che sogna l’America ottimista, positiva e piena di divertimento e voglia di vivere, tra spiagge, università, feste e locali.

Negli ultimi anni Miami è diventata una delle mete preferite dagli italiani, attirati dal sole, dalle spiagge e dal clima tropicale 12 mesi all’anno.

Il film racconta con leggerezza un contesto in cui i protagonisti italiani aiutano il pubblico nell’identificazione, a volte difficile quando i protagonisti sono gli americani stessi.

Oltre a questo vengono messe in scena tre ragazzine italiane che volano a Miami per coronare il loro grande sogno: prendere parte all’Ultra Music Festival, un contest di deejay che attira ogni anno migliaia di giovani fan da tutto il mondo.

Sulle loro tracce un padre disperato che si fa aiutare da un altro tipico italiano emigrato a Miami: “il fancazzista fuoricorso”.

A completare il tutto un playboy napoletano e due genitori dei ragazzi universitari che si detestano tra loro. Insomma, una fotografia di tipi divertenti, presi dalla vita vera e vissuta.

Non è la prima volta che i fratelli Vanzina girano un film in America, come “Mai Stati Uniti” e i due “A spasso nel tempo”. Anche stavolta si respira energia, buonumore, spensieratezza, voglia di divertimento.

Nella sceneggiatura molte scene sono ambientate in posti alla moda, come il ristorante “Casa Tua”, il mitico “Hotel Pelican” su Ocean Drive e l’arena dell’“Ultra Music Festival”. E poi, ovviamente, le spiagge di South Beach.

Tutto questo fa di Miami Beach un film ricco, colorato, allegro, pieno di musica latina e che cerca di trasmettere la vitalità e positività.

Andrai a vederlo?

Sara Daniele, copywriter, blogger, travel marketer. Laureata in Lingue e Letterature Straniere. Napoletana di origine e di indole, ho vissuto per due mesi a Londra e una parte del mio cuore è rimasta lì. Mi sento cittadina del mondo, ma l'odore del caffè mi riporta sempre a casa. Ho trovato la mia dimensione nel blogging e nei social media, perché uniscono le tre cose che più mi piacciono: le parole, le connessioni umane e la comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.