Delitti della Primavera
Libri

I Delitti della Primavera di Stella Stollo

Intro: I Delitti della Primavera, libro scritto da Stella Stollo, è un thriller immerso nell’amore per la storia dell’arte!

Titolo: I Delitti della Primavera
Autore: Stella Stollo
Pagine: 313
Prezzo di copertina: 12 euro
Editore: Graphofeel Edizioni

“Del resto il mondo è fatto di sfumature, gli eventi della vita e tutti i sentimenti appaiono sempre sfumati.L’amore stesso ci offre molteplici sfumature e sarebbe cosa ingrata non coglierle tutte!”

Acquista il libro cliccando sull’immagine sotto

I delitti della Primavera: Trama

Firenze, 1486: una serie di omicidi sconvolge la vita della città.

Le vittime sono donne appartenenti alla ricca borghesia e lo spietato assassino sembra ispirarsi all’Allegoria della Primavera, dipinto capolavoro di Sandro Botticelli e del suo assistente Filippino Lippi.

Su ogni cadavere viene trovato un oggetto che rimanda ad un dettaglio del quadro:

  • il ramoscello infilato tra le labbra di una ninfa;
  • il mantello rosso che avvolge la Dea;
  • la ghirlanda di fiori che adorna il collo della Primavera.

Tra passioni ed intrighi, Leonardo Da Vinci, Amerigo Vespucci, Lorenzo il Magnifico, popolano le pagine di questo romanzo colto e raffinato, in cui si combatte l’eterna guerra tra Amore e Morte.

I Delitti della Primavera: Recensione

Delitti della Primavera

Quando ho iniziato a leggere “I Delitti della Primavera”, non sapevo bene cosa aspettarmi.

Sono stata attirata dalla copertina e dalla trama, che metteva in connessione la storia dell’arte con un thriller.

Sono stata catapultata, nella Firenze di fine 1400.

Ho passeggiato per le strade di Firenze, incontrato artisti e letterati, visitato botteghe di pittori, assistito a cene e discussioni sull’ipotetica scoperta di un Nuovo Mondo e sono stata spettatrice e complice di una serie di omicidi rituali.

Ho ammirato l’intelligenza e la bravura di Sandro Botticelli, la bellezza della sua modella Simonetta Vespucci, ascoltato e provato le emozioni di Filippino Lippi, mi sono entusiasmata ascoltando le teorie Amerigo Vespucci e Leonardo Da Vinci, mi è sembrato di poter sentire il profumo delle piante tanto amate da Ginevra e dei materiali usati per realizzare i colori per i dipinti.

Ho provato un senso di angoscia ad ogni omicidio, tanto da voler in qualche modo avvisare ogni volta la vittima successiva

Non so se definirlo un thriller, un giallo, un romanzo storico, d’amore o una biografia artistica.

Posso solo dire di aver pensato che l’autrice avesse preso un pennello e colto e mischiato diverse sfumature, non definibili con una banale etichetta. 

La bravura di Stella Stollo

La scrittura stilistica di Stella Stollo è raffinata ed elegante, chiara, scorrevole e coinvolgente.

L’autrice è capace di trasportare e far rivivere nel profondo dell’anima del lettore ambienti storici, pittorici ed intellettuali molto lontani, materializzandoli davanti ai suoi occhi.

La sensibilità e la cura nelle descrizioni, anche psicologiche, permette di calarsi perfettamente nella mente dei personaggi.

Gran risalto viene dato anche alla condizione della donna, costretta ad essere proprietà dell’uomo, che ne decide le sorti (padre, marito o fratello che sia) o puro oggetto delle voci di una società sospettosa.

Alla fine del libro, bisogna abbandonare la Firenze del 1486 e vestire i panni attuali, con qualche domanda sui progressi fatti da allora e su qualche riflessione su cosa, invece, è rimasto quasi intatto.

La cosa che posso affermare con certezza e che di questo libro si sente nostalgia e di certo viene voglia di rileggerlo ancora, nonostante si conosca il finale.

Fatti un bel regalo e leggilo.

Acquista il romanzo, cliccando qui!

Lo consiglio a chi ama l’arte, chi ama Firenze, chi vorrebbe conoscerne un periodo storico indubbiamente importante, chi ama i thriller e le storie d’amore.

Insomma, è consigliato un po’ a tutti!

Sara Daniele, copywriter, blogger, travel marketer. Laureata in Lingue e Letterature Straniere. Napoletana di origine e di indole, ho vissuto per due mesi a Londra e una parte del mio cuore è rimasta lì. Mi sento cittadina del mondo, ma l'odore del caffè mi riporta sempre a casa. Ho trovato la mia dimensione nel blogging e nei social media, perché uniscono le tre cose che più mi piacciono: le parole, le connessioni umane e la comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.