Cosa vedere a Istanbul
Viaggi

Cosa vedere a Istanbul

Intro: Profumo di spezie lontane, la varietà di stoffe pregiate con ricami orientali, la ricchezza dei coloratissimi e preziosi mosaici, questa è Istanbul. Scopriamola insieme!

L’imponenza delle grandi moschee avvolte dal continuo richiamo cantilenante dei Muezzin durante l’ora della preghiera, immensi mercati gremiti di un popolo eterogeneo in continuo movimento, il sapore unico di un thè alle mele, i caldi colori di un tramonto più romantico: tutti accenni d’Oriente!

Questo e tanto altro ti aspetterà quando arriverai in una delle città più conosciute della Turchia, tanto da esserne confusa da tanti come sua capitale: scopriamo cosa vedere a Istanbul!

Istanbul: luoghi di interesse

Appena giunto, ti consiglio correre subito a visitare la parte più antica della città: il quartiere di Sultanahmet.

Sarai catapultato nella bellezza e nella grande piazza non saprai quale moschea ammirare prima:

Aya Sophia, la Cisterna Basilica e la Moschea Blu

  • Moschea/museo Aya Sophia, conosciuta anche come Chiesa della Divina Sapienza: non dimenticare di infilare il pollice nel buco della colonna sudante, cui la tradizione popolare attribuisce la proprietà di curare il mal di testa, di esaudire i desideri e di favorire le gravidanze;
  • Cisterna Basilica: un mondo sotterraneo fatto di colonne e percorsi illuminati da piccoli faretti, set anche del film “Inferno”, tratto dal libro di Dan Brown;
  • Moschea Blu, la più importante della città.

Quando entrerai ad Aya Sophia ti mancherà per un attimo il fiato: uno spazio immenso, circondato da decorazioni e nella parte superiore da importanti mosaici, l’oro e la ricchezza la fanno da padroni.

Sarai sovrastato dai caratteristici candelabri quasi sospesi a mezz’aria mentre ti sentirai infinitamente piccolo.

Una sensazione indescrivibile con altre parole.

Situazione simile, ma in un ambiente più raccolto – la moschea è ancora adibita all’utilizzo religioso – ti si presenterà nella Moschea Blu: luogo di forte impatto spirituale ed eleganza data dalle miriadi di piastrelle blu che decorano ed illuminano i vari ambienti.

Per rispetto, quando entri togliti le scarpe e copriti testa e spalle.

Cosa vedere a Istanbul

Palazzo Topkapi

Altro posto emozionante da visitare è il Palazzo  Topkapi  per secoli la residenza dei sovrani ottomani.

Già solo per questo potrai immaginare lo sfarzo e le attenzioni che gli sono state date.

Numerosi ambienti, anche con scorci panoramici, ti permetteranno di affacciarti sul Corno d’Oro e ammirerai decorazioni e piastrelle colorate, incastrate in diversissimi giochi geometrici.

Per completare il percorso entra nel misterioso mondo dell’Harem e visita la Tesoreria, dove sono conservati il Diamante del fabbricante di cucchiai e la Daga Topapı.

Come avrai intuito, ad Istanbul potrai visitare meravigliose moschee ed ambienti regali, ma la città non offre “solo” questo!

Gran Bazar

Verrai trascinato dal ritmo della città nelle viuzze tipiche e arriverai così al famosissimo Gran Bazar in cui troverai antiquari, curiosità e prodotti artigianali.

Oltre ad ammirare arte e storia, cosa vedere a Instanbul di indimenticabile?

I colori!!!

I colori della città e soprattutto al Gran Bazar sono unici: i riflessi dei vetri colorati, decorazioni delle tipiche lampade e dei portacandele, le pietre preziose e non, i piatti, le piastrelline con i loro disegni orientali, e gli abiti, le pashmine, le stoffe.

Un unico, immenso, caotico, allegro arcobaleno!

Una volta riempiti gli occhi di bellezza anche l’olfatto ed il tatto troveranno pane per i propri denti.

Bazar delle Spezie

Il Bazar delle Spezie, poco lontano, è un labirinto di mille varianti di thè, cannella, zenzero, curcuma, dolci al miele e dolci di zucchero.

Tutto è presentato in grandi montagne colorate e la tentazione di affondarci la mano dentro sarà molto molto forte!

Acquistando i prodotti qui, porterai a casa un bel ricordo della città!

Cosa vedere a Istanbul

Il Ponte sul Bosforo e il Ponte di Galata

Il moderno e panoramico Ponte sul Bosforo collega la parte europea di Istanbul con quella asiatica, tra il quartiere di Ortakoy e quello di Beylerbeyi.

È quasi d’obbligo una piccola crociera sul Bosforo, per rivedere i luoghi principali della città da un’altra prospettiva.

Approfittane al tramonto e ti rimarranno nel cuore le immagini migliori dell’antica Bisanzio.

Il Ponte di Galata, invece, congiunge la parte antica della città con quella moderna, a cavallo del Corno d’Oro.

Basta attraversare il ponte… et voilà: ben arrivato nella parte moderna!

Bellissimi edifici fanno da cornice a grandi viali pedonali e invitano allo shopping.

Cosa mangiare a Instabul

Dopo averti raccontato cosa vedere a Istanbul, ora devo assolutamente indicarti cosa mangiare: amanti del Kebab questa è la vostra terra!

Oltre a questo, troverai carne buonissima, servita con verdure e riso, dolci squisiti e vicino al ponte fermati presso le barche che cucinano pane con il pesce, magari prima di concederti un narghilè al tramonto.

È affascinante pensare che a sole due ore e mezzo di aereo dall’Italia, potrai assaporare questo accenno di Oriente ed entrare in contatto con questa cultura, sotto certi aspetti, così lontana dalla nostra.

Qui le tradizioni  si respirano continuamente nell’aria e troverai un modo diverso di affrontare la vita dando molto più spazio alla spiritualità e alle relazioni umane.

Pur trovandoti nel caos più impensabile, circondato da milioni di persone, non sentirai mai la sensazione di smarrimento intorno a te.

Ci sarà  sempre un negoziante disposto ad offriti un buon thè – mai rifiutare perché è un gesto molto scortese! – facendoti accomodare su uno sgabellino all’esterno del suo negozio.

Un thè gratuito ovviamente, in cambio di quattro chiacchiere durante una breve pausa.

Sei pronto a pianificare il tuo viaggio ad Istanbul?

Adesso sta a te lanciarti in questa nuova avventura!!

A cura di
Giulia Sideri

Sara Daniele, copywriter, blogger, travel marketer. Laureata in Lingue e Letterature Straniere. Napoletana di origine e di indole, ho vissuto per due mesi a Londra e una parte del mio cuore è rimasta lì. Mi sento cittadina del mondo, ma l'odore del caffè mi riporta sempre a casa. Ho trovato la mia dimensione nel blogging e nei social media, perché uniscono le tre cose che più mi piacciono: le parole, le connessioni umane e la comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.