Matrimoniale o sommier? Come ottimizzare gli spazi

Come ottimizzare lo spazio in camera da letto quando si vive in un appartamento piccolo? Scegliendo un letto sommier rispetto a un letto matrimoniale tradizionale. Scopriamo insieme le differenze!

Matrimoniale sommier

Oggi le famiglie, per scelta o per costrizione, spesso optano per l’acquisto o l’affitto di un appartamento piccolo.

Quelli grandi, oltre ad essere molto dispendiosi in termini economici, possono infatti rappresentare un ostacolo per quanto concerne aspetti come l’ordine o la pulizia.

Di contro, anche le case piccole hanno i loro svantaggi: svantaggi che potrebbero ad esempio emergere per una questione di arredo.

Non è mai facile trovare il giusto compromesso fra spazio occupato e design delle componenti, perché servono furbizia e attenzione ai particolari.

Sebbene questo problema sia reale, è comunque possibile ottenere dei risultati notevoli: soprattutto quando la fase di arredo verrà affrontata con intelligenza e sapienza in quanto a occupazione degli spazi domestici, naturalmente senza intaccare il duplice fattore comodità e stile.

Come ottimizzare gli spazi con il letto

Spesso il dilemma della casa piccola finisce per mettere a rischio la comodità della camera da letto, quasi mai spaziosa: qui emerge dunque l’obbligo di bilanciare questo limite cercando delle soluzioni alternative al classico lettone matrimoniale, che di certo non mancano.

Un caso evidente di quanto detto finora è il letto contenitore: Duzzle propone ad esempio dei letti sommier da 140 centimetri e con contenitore, che diventano un perfetto compromesso fra una piazza e mezza (120×200 centimetri) e un matrimoniale (160×200 centimetri).

Qual è il vantaggio di un letto contenitore?

La possibilità di ribaltare il materasso per sfruttare lo spazio vuoto sottostante come un vero e proprio cassettone: il tutto per riporre vestiti e quant’altro, senza per questo essere costretti a installare un armadio grande nella camera da letto.

Va poi aggiunto che il letto sommier, oltre ad essere più capiente di un classico letto con cassettiera, è anche una componente di design decisamente più elegante.

Letti matrimoniali e sommier a confronto

Vale dunque la pena continuare a parlare del letto sommier, facendo un confronto con il letto matrimoniale: già detto della possibilità di ribaltare i materassi, va aggiunto che ciò non va in alcun modo a discapito della comodità del letto.

Inoltre, il contenitore sottostante al materasso è talmente capiente da poter ospitare non solo vestiti, ma anche cuscini, coperte e persino i cappotti.

Si tratta dunque di una soluzione estremamente versatile, ma anche comoda, perché l’operazione di sollevamento risulta essere molto semplice e poco impegnativa.

Per quanto concerne il design, c’è un motivo per cui il letto sommier è anche bello, oltre che pratico: il cassettone interno non è a vista, dato che viene regolarmente coperto con il materasso.

In termini visivi, ciò si traduce nell’impossibilità nel distinguere un comune letto matrimoniale da un modello di questo tipo.

Infine, in quanto a dimensioni, il vantaggio è evidente: occupa meno spazio rispetto al matrimoniale, offrendo comunque una larghezza di rilievo.

E tu, quale letto hai scelto?

Sara Daniele
Seguimi

Sara Daniele

Travel, Fashion & Lifestyle Blogger, Event Manager, Community Manager at Emotionally di Sara Daniele
Sara Daniele, blogger, community manager, content&digital marketer. Laureata in Lingue e Letterature Straniere. Napoletana di origine e di indole, ho vissuto per due mesi a Londra e una parte del mio cuore è rimasta lì. Mi sento cittadina del mondo, ma l'odore del caffè mi riporta sempre a casa. Ho trovato la mia dimensione nel blogging e nei social media, perché uniscono le tre cose che più mi piacciono: le parole, le connessioni umane e la comunicazione.
Sara Daniele
Seguimi

NON ANDARE VIA, C'È ANCORA MOLTO DA LEGGERE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *