Vacanze ai Caraibi: cosa vedere a Santo Domingo

Cosa vedere a Santo Domingo

Santo Domingo, capitale della Repubblica Domenicana, è un luogo ricco di storia, cultura e spiagge incantevoli. Scopri con me cosa vedere in questa splendida città.

Hai deciso di fare una vacanza ai Caraibi ma sei indeciso sulla zona?

La Repubblica Domenicana non ti deluderà, ne sono certa e per conoscerla non c’è nulla di meglio che visitare la città e le sue splendide spiagge, come quella di Bayahibe.

Quando sono stata lì, la cosa che più mi ha colpito è quanto l’isola fosse ricca di storia, cultura e tradizioni tutte da scoprire.

Sai che Santo Domingo ha oltre 40 quartieri coloniali divisi tra la città vecchia e quella nuova e sono tutti di una bellezza rara ed emozionante?

Cosa vedere a Santo Domingo

Dove si trova Santo Domingo

Santo Domingo ha tantissimi luoghi di interesse da poter visitare, ma ti consiglio di andare alla scoperta della città con una guida per non perderti nessuna meraviglia.

La storia della Repubblica Dominicana inizia nel  1493, quando Colombo fondò il primo insediamento urbano del Nuovo Mondo: La Isabela.

La città era però troppo a nord, più adatta per chi tornava in patria che per chi arrivava e voleva scoprire le nuove terre, così, nel 1496, Bartolomeo Colombo, fratello di Cristoforo, fondò La Nueva Isabela, oggi Santo Domingo.

Un uragano, però, spazzò via quasi subito questa città e fu solo grazie alla determinazione dei pionieri che nel 1502 il governatore Nicolas de Ovando pose la prima pietra del nuovo nucleo cittadino.

In pochi anni, Santo Domingo divenne un’oasi di civiltà e ricchezza: i galeoni spagnoli, carichi di tesori delle nuove terre, facevano sosta qui prima di tornare in patria.

Storia affascinante ma anche magiche spiagge e mare icontaminato dovrebbero convincerti a scegliere questa meta per le tue vacanze ai Caraibi.

Santo Domingo: le spiagge

Spiagge Santo Domingo

Ho avuto la possibilità di godermi due spiagge incantevoli: la spiaggia di Bayahibe e quella dell’Isola di Saona.

Credo che non dimenticherò mai il bianco della sabbia fine, i tramonti infuocati e il soffio del vento caldo tra le palme.

I miei occhi si riempirono della bellezza di un mare blu e di una vegetazione intensa e incontaminata.

Santo Domingo: il Parco Nazionale “Los Tres Ojos”

Cosa vedere a Santo Domingo

Un luogo ancora poco conosciuto di Santo Domingo è il parco nazionale di Los Tres Ojos: una combinazione unica di laghi sotterranei e caverne.

La guida mi ha raccontato che questi luoghi venivano usati come rifugio dalle popolazioni indigene durante le tempeste e anche per i riti religiosi.

Il tour mi ha condotto direttamente alla scoperta di questo parco, permettendomi di ammirare grotte spettacolari e i tre laghi sotterranei, più uno in superficie.

  1. Il Lago de Azufre è il primo lago “segreto”.
    Visitandolo al mattino potrai avere la fortuna di ammirare i raggi del sole che creano giochi di luce magici sull’acqua.
  2. Il Lago de Las Damas andrebbe invece visto la sera, dato che i giochi di luce al tramonto creano colori contrastanti sulla sua superficie.
  3. Il Lago de La Nevera è il pi nascosto dal sole: da qui, a bordo di una barchetta, potrai raggiungere l’ultimo lago.
  4. Il Lago Los Zaramagullones, il più profondo di tutti e l’unico di superficie, che fu scoperto solo nel 1975.

Cosa vedere a Santo Domingo

La vegetazione tropicale è rigogliosa e sono numerosissime le stalattiti e stalagmiti.

Le acque sono cristalline ed incontaminate e il parco è ricco di caratteristici ponticelli e scale, grazie ai quali ci si può spostare da un lago all’altro.

Questo luogo ti rapirà e farai fatica ad andartene.

Orari: Lo troverai aperto dalle 8.30 alle 17.30 e per visitarlo impiegherai circa un’ora.

Santo Domingo: Alcazar de Colon

Cosa vedere a Santo Domingo

La mia visita in città è continuata con la visita all’Alcazar de Colon (nome spagnolizzato di Colombo).

Ombreggiato dalle palme sullo sfondo del modernissimo ponte sull’Ozama, è il palazzo più suggestivo di Santo Domingo.

La facciata è composta da due piani di arcate, finestre, logge, mentre all’interno sono visibili splendide sale arredate con pezzi d’antiquariato.

Fu costruito fra il 1509 e il 1512 da Don Diego Colon, figlio di Cristoforo e viceré dell’isola.

Fra il 1512 e il 1524 fu la sede della corte spagnola d’Oltremare, della quale la bellissima Maria de Toledo dei duchi d’Alba, moglie di Diego, fu instancabile e colta animatrice.

Alla sua morte nel 1549, l’Alcazar fu abbandonato.

Orari: Potrai visitarlo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 17.30 e il sabato e la domenica dalle 9 alle 16. Chiuso il martedì.

Santo Domingo: Museo dell’ambra

cosa vedere a Santo Domingo

Quando sarai a Santo Domingo, una visita che non dovrai assolutamente perdere è al Museo dell’Ambra.

La Repubblica Dominicana ha il secondo deposito di ambra al mondo.

Non tutti sanno che l’ambra è una resina fossile di alberi preistorici ed è l’unica gemma di origine vegetale.

Al contrario di quella europea, l’ambra dominicana è trasparente, spesso ha intrusioni di insetti, foglie o gocce d’acqua e il colore è un caldo miele con tonalità dal giallo al violetto.

Nel museo vengono esposte varie collezioni e c’è un laboratorio in cui poter assistere alla lavorazione di alcuni oggetti.

Sarà un’esperienza indimenticabile!

Santo Domingo: Cattedrale Primada de America

Cosa vedere a Santo Domingo

Quando sarai in città, alla scoperta di Santo Domingo, dovrai assolutamente visitare la Cattedrale Primada de America, chiamata anche Basilica di Santa Maria la Menor.

L’origine della Cattedrale risale alla prima metà del 1500 e potrai ammirarla a Plaza de Colon, al centro della quale si trova anche la statua in bronzo e granito raffigurante Cristoforo Colombo.

Cosa vedere a Santo Domingo

La costruzione della Cattedrale durò dal 1514 al 1546 e presenta diversi stili: da quello rinascimentale all’esterno, con la sua facciata di pietra corallina ocra e il suo portone, a quello gotico all’interno, caratterizzato da 14 cappelle laterali, tre navate e dal bellissimo altare centrale realizzato in argento.

Sono molte le opere di inestimabile valore conservate al suo interno: statue, dipinti, candelieri d’oro e argento, e lo stupendo pavimento in marmo.

Santo Domingo: dove alloggiare

Spesso quando viaggio all’estero, soprattutto durante le vacanze ai Caraibi, scelgo di alloggiare in villaggi turistici con formula all inclusive, per rilassarmi.

Per quanto riguarda la Repubblica Domenicana ti consiglio di scegliere tra le zone di Bayahibe, Punta Cana e Boca Chica.

Santo Domingo: dove mangiare

Di solito ho sempre mangiato all’interno del villaggio turistico, ma durante l’escursione in città ho pranzato in un ristorante molto suggestivo: El Meson de la Cava.

Un luogo incantato situato in una grotta naturale a 20 metri sotto terra, con cibi eccellenti e molto curato nei dettagli.

Ricorda che i periodi migliori per andare a Santo Domingo sono da Febbraio ad Aprile.

Allora, sei pronto a prenotare la tua vacanza ai Caraibi?

 

 

Sara Daniele
Seguimi

Sara Daniele

Travel, Fashion & Lifestyle Blogger, Event Manager, Community Manager at Emotionally di Sara Daniele
Sara Daniele, blogger, community manager, content&digital marketer. Laureata in Lingue e Letterature Straniere. Napoletana di origine e di indole, ho vissuto per due mesi a Londra e una parte del mio cuore è rimasta lì. Mi sento cittadina del mondo, ma l'odore del caffè mi riporta sempre a casa. Ho trovato la mia dimensione nel blogging e nei social media, perché uniscono le tre cose che più mi piacciono: le parole, le connessioni umane e la comunicazione.
Sara Daniele
Seguimi

NON ANDARE VIA, C'È ANCORA MOLTO DA LEGGERE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *